Skip to content

Irpinia storia e memoria del terremoto

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
18 2.4) Un giornalista In quel periodo ero il responsabile di un settimanale, “Cronache di Potenza”, che è uscito per diversi anni. Domenica 23 novembre ero in redazione, in un piccolo appartamento di Porta Salza. Tutto ha cominciato a ballare; non avevo ancora realizzato che potesse trattarsi del terremoto fino a quando una gigantografia di Mirò, posta sulla parete di fronte a me, piombò sul pavimento. Non ebbi il tempo di pensare, così mi catapultai giù per le scale in pietra, ripide, difficilissime da praticare. Le strette pareti sembra volessero schiacciarmi. Ero terrorizzato. Aprii la porta d’ingresso, di fronte a me la chiesa di Santa Lucia e una macchina, una Giulia color verde, parcheggiata proprio davanti al suo ingresso. La scena fu allucinante. Il palazzo di rimpetto la chiesa venne giù con un frastuono inverosimile e sommerse letteralmente una macchina. Incredibilmente si accesero i fari della vettura e io pensai che all’interno ci potesse essere qualcuno. Rimasi impietrito. Deglutii a fatica. Alcune pietre catapultarono sulle mie scarpe: istintivamente rientrai e chiusi la porta, mi feci il segno della croce e rimasi immobile per qualche istante. Fu un’eternità. Non so perché ebbi la brillante idea di risalire “semplicemente” per prendere l’autoradio e spegnere le luci…in quei momenti il cervello è completamente in tilt! Respirai profondamente, riacquistai lucidità e corsi a verificare le condizioni dei miei cari. Ero angosciato dal pensiero di quello che avrei potuto trovare. C’erano tutti, grazie al cielo. Mancava all’appello mio figlio più grande, il quale era scappato via per trovare rifugio sotto un arco sicuro. Dovevo portare al sicuro la mia famiglia e così trovammo ricovero nella casa di campagna di un amico. A quel punto sentii il dovere di andare in Rai, attaccarmi al telefono, impugnare il microfono della radio e comunicare all’Italia il terribile evento. Lavorai tutta la notte al ritmo delle scosse di assestamento. La stanza da cui trasmettevo era senza finestre. Se durante la scossa si fosse bloccata la porta non avrei avuto via d’uscita, ma cercavo di non pensarci. Il lavoro fatto in radio si è rivelato prezioso, fondamentale: fummo gli unici ad avere garanzia della funzionalità delle linee telefoniche e per questo fungemmo da ponte tra tutte le zone colpite in regione e gli aiuti provenienti
Anteprima della tesi: Irpinia storia e memoria del terremoto, Pagina 15

Preview dalla tesi:

Irpinia storia e memoria del terremoto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Ventura
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia
  Relatore: Gianpasquale Santomassimo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 162

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

affarismo e terremoti
catastrofi
clientelismo
corruzione
irpinia
laviano
mezzogiorno
post terremoto
ricostruzione
ricostruzione post terremoto
teoria trerremoti
terremoti anni ottanta
terremoto
terremoto dell irpinia
zone sismiche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi