Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il cinema come strumento di risanamento delle case editrici di fumetti: la Marvel

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 Con questo sistema ogni supereroe “aiuta” un nuovo personaggio a nascere: così come è successo per The Punisher, di cui è stato prodotto recentemente un film, comparso per la prima volta in un’avventura di Spider- Man agli inizi del 1970, titolare di una testata. La stessa sorte è toccata anche a Blade, comprimario nella miniserie del 1973 “Tomb of Raider”; e ha Wolverine, le cui gesta possono leggersi sia sulle testate dedicate agli X-Men sia sulla serie esclusivamente dedicata a lui, in cui emerge tutta la complessità. In definitiva questo è il successo della Marvel. La complessità dei propri personaggi è l’elemento chiave che si è cercato, molte volte con successo, di trasferire ai supereroi in celluloide. Questa concezione è diversa da quella della diretta concorrente, la Dc Comics, i cui personaggi, tra i quali ricordiamo Superman e Batman, manifestano una complessità diversa rispetto ai personaggi appartenenti al “Marvel Universe”. In Superman emerge l’uomo come l’essere più forte dell’Universo, in Batman, invece, è traumatizzato dall’uccisione dei suoi genitori davanti ai propri occhi, tuttavia viene definito “The Dark Knight”, cioè un personaggio coraggioso, valoroso, tenebroso, senza paure, punti deboli e senza superpoteri. Si caratterizzano, quindi, per una certa mancanza di complessi esistenziali. Si valuteranno i rapporti consolidatisi con le major americane produttrici di film nel corso dell’ultimo periodo, i motivi che hanno spinto tali sinergie. Si cercherà di capire in base agli elementi a nostra disposizione se il settore cinematografico ha influito ed influisce sull’andamento della Marvel e come Hollywood incide sul settore fumettistico americano. Si tenterà infine di comprendere, attraverso l’analisi dell’evoluzione delle politiche aziendali, delle strategie fallimentari e di quelle di successo, delle relazioni con le major, se il cinema può essere effettivamente considerato uno strumento in grado di risollevare un intero settore: quello dei comics. In un mondo dominato da Internet, che con i vantaggi è diventato uno strumento di comunicazione straordinario per la trasmissione di informazioni

Anteprima della Tesi di Gianfranco Iacobucci

Anteprima della tesi: Il cinema come strumento di risanamento delle case editrici di fumetti: la Marvel, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gianfranco Iacobucci Contatta »

Composta da 163 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6608 click dal 15/02/2005.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.