Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ufficio Stranieri: una umanità professionale nascosta

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 percepita e valutata tale collocazione e con il tipo di immagine della realtà che proviene da una determinata esperienza di lavoro. Nella famiglia si sperimentano anche processi di identificazione legati alla professione dei genitori. Spesso infatti essi parlano del loro lavoro, o addirittura si portano il lavoro a casa dall’ufficio, o può capitare anche, che un genitore porti il figlio a lavorare con sè. “Il bambino ha così l’opportunità, da un lato di ascoltare e di rendersi conto del tipo di prestazione richiesta dal mondo del lavoro, dall’altro lato di sperimentare una sorta di transfert nei confronti della vita professionale dei genitori, che viene delineata in termini di prestigio.” 11 (in realtà gli psicologi, che hanno tentato di individuare le connessioni esistenti tra professione dei genitori e scelta professionale dei figli, hanno riportato dati discordanti, anche perché spesso sono maldefiniti, in termini operazionali, variabili come le aspettative socio-professionali e non sempre è tenuta in considerazione la variabile socio-ambientale. E secondo me per una questione di possibilità di influenzamento presenti nella famiglia dovuto al social power, di cui parlerò più avanti). A questo proposito, Sarchielli riprende una classificazione di Lesle Paul che individua diverse tipologie di influenzamento, che differiscono a seconda di come il padre si comporta nei confronti del suo lavoro: - Silent attitude: nelle famiglie in cui il padre non parla mai del lavoro. In genere i figli ricostituiscono, inconsciamente, con caratteri di sospettosità il mondo verso cui il padre è così reticente. - Resentfull attitude: in cui il silenzio sul lavoro è interrotto da imprecazioni quando il padre ha vissuto una giornata nera piene di difficoltà. I figli, in questo caso, sembrano farsi un’idea negativa del mondo del lavoro, come di un luogo infelice e indesiderabile. - Partecipatine attitude: quando il padre appare lieto del proprio lavoro e trasmette questo entusiasmo ai suoi figli. 11 Ibidem p. 71

Anteprima della Tesi di Silvia Iacopini

Anteprima della tesi: Ufficio Stranieri: una umanità professionale nascosta, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Silvia Iacopini Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1446 click dal 15/02/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.