Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il controllo di gestione nell'amministrazione del governo locale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

nella necessità per l’ente locale di una profonda trasformazione culturale, organizzativa, tecnologica, ma soprattutto nella capacità di gestire in senso manageriale la propria organizzazione (Lippi, 2001; Compagno, 1999; Profili, 2004; Argyris e Schön, 1998; Battistelli, 1998, 2002; D’Albergo e Vaselli, 1997; Fedele, 1998; Bifulco e De Leonardis, 1997; Rebora, 1988; Volpatto, 1987a). Ciò significa anche sfruttare le opportunità fornite dalle norme di “razionalizzazione” e miglioramento dell’attività politico-amministrativa 3 , che definiscono strumenti per diffondere nuovi atteggiamenti e comportamenti nel personale della pubblica amministrazione locale, disancorandolo dall’immobilismo che ancora oggi è una caratteristica diffusa nella gestione delle risorse pubbliche, e incentivando l’acquisizione e sviluppo di tecniche o metodologie manageriali potenzialmente innovative. Da questi presupposti può realizzarsi una situazione nella quale, a fronte di enti caratterizzati da una forte complessità organizzativa e gestionale, legata al grande numero di servizi e procedimenti, la pubblica amministrazione locale utilizzi un sistema manageriale ipersemplificato o adempimentale, con una prevalenza dell’uso indiscriminato del sistema burocratico 4 , efficiente per alcune funzioni dell’ente ma inefficace per la gran parte delle attività (Macrina, 2001; Camarda, 2003; Persiani, 2002). Inoltre, se davvero si vuole considerare un ente locale come una vera e propria “azienda” 5 , è bene sottolineare che nessuna azienda privata potrebbe sopravvivere utilizzando un sistema amministrativo così poco equilibrato (Borgonovi, 1996; Anselmi, 2003; Farneti, 2002). E’ necessaria quindi una profonda trasformazione culturale ed organizzativa che coinvolga la struttura amministrativa dell’ente locale nel suo complesso, come conseguenza del disequilibrio esistente tra l’organizzazione locale ed il suo ambiente (Rebora e Meneguzzo, 1990; Rebora, 1988, 1999b; D’Albergo e Vaselli, 1997). 3 Rimando al paragrafo 1.3. 4 Per “sistema burocratico” si intende la definizione di norme e procedimenti ed il controllo esclusivo sul rispetto e regolarità amministrativa e giuridica di queste (Persiani, 2002; Righettini, 1997; Cassese, 1993, 1994; Freddi, 1989; Melis, 1996, 1998). 5 Rimando al paragrafo 1.4. 5

Anteprima della Tesi di Gianluca Frola

Anteprima della tesi: Il controllo di gestione nell'amministrazione del governo locale, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Gianluca Frola Contatta »

 

Questa tesi ha raggiunto 14765 click dal 15/02/2005.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.