Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Philip K. Dick, tra filosofia e mito

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 INTRODUZIONE UN NUOVO ORIZZONTE MITICO In un mondo governato oramai dalla certezza del dato e dalla “luce della scienza”, nonché dalle sue innumerevoli scoperte ed innovazioni tecnologiche, si ripresenta all’uomo la profonda esigenza di un nuovo orizzonte comune. Esso non viene più proiettato in un passato arcadico oppure in una terra dove l’interazione tra uomini e dei è pensata come ancora possibile, ma in un futuro incerto e distorto, il cui campo di battaglia risulta il nostro presente. Da ciò possiamo desumere come il mito della modernità mostri una morfologia contrastante, avendo come materia cui attingere i caratteri ambivalenti della scienza, la quale ora mostra il suo aspetto salvifico e la possibilità del progresso che da essa può derivare; ora quello terribile e distruttivo della bomba atomica, delle armi chimiche, di un esubero di informazione dilagante e digitalizzata. Si pensi a quanto disse William Gibson 1 in una delle conferenze sul genere fantascientifico che tenne in Austria: La mia adolescenza era fortemente colorata da un rapido ottimism tecnologico e da un costante e concomitante sottofondo di paranoia e terrore tecnologico. I due poli dell’immaginario di massa in quei giorni erano una luccicante Futuropolis, tirata con Cera Grey, e lo spettro del disastro nucleare. E diversi personaggi autoritari continuavano a dirmi che l’atomo avrebbe cambiato ogni cosa. Più tardi mi fu detta la stessa cosa dell’LSD. Mi sembrava, in quanto bambino, di vivere in realtà in uno scenario di fantascienza di qualche 1 William Gibson, nato in America ma canadese d’adozione, è stato il riconosciuto dalla critica il fondatore del movimento Cyberpunk, la cui data cardine è fatta risalire al 1984, anno della pubblicazione del suo romanzo “Neuromacer”. Dal suo racconto “Johnny Mnemonic” tratto dell’antologia “La Notte che Bruciammo Chrome” scritto nel 1986, è stato realizzato l’omonimo lungometraggio nel 1995.

Anteprima della Tesi di Fabio Boverio

Anteprima della tesi: Philip K. Dick, tra filosofia e mito, Pagina 1

Laurea liv.I

Facoltà: Filosofia

Autore: Fabio Boverio Contatta »

Composta da 95 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6903 click dal 16/02/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.