Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Evoluzione e trasformazioni del meccanico vicentino dal secondo dopoguerra al duemila

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 fabbriche autonome “industrie cotoniere, cartarie, meccanico- metallurgiche, chimiche, tipografiche e dei laterizi, che faranno nascere in seguito un tessuto di imprese di media grandezza e di notevole flessibilità in grado di incidere fortemente in futuri passaggi dell’industrializzazione vicentina” 18 . Gli anni a cavallo del secolo, a ridosso della Grande guerra, rappresentano il periodo di massima espansione per l’industria italiana del periodo, con la diffusione di nuovi settori, l’aumento dell’occupazione e della produzione agricola ed industriale, l’incremento di capitali e di meccanizzazione, l’espansione di domanda interna ed estera, e il già citato benefico flusso delle rimesse. Il settore tessile rappresenta ancora la maggiore fonte di esportazione, ma cominciano ad affiancarsi ad esso anche quello alimentare e del legno. Mentre nuovo impulso all’industria meccanica, soprattutto nel settore dei trasporti, viene dalla diffusione di nuovi materiali, come l’acciaio e i prodotti chimici, e dell’elettricità. Il protezionismo, l’imprenditorialità privata e le nuove banche, nate sul modello delle miste tedesche, contribuiscono alla crescita del tessuto industriale e alla diffusione dell’abitudine al rischio imprenditoriale 19 . In questo periodo i grandi imprenditori vicentini concentrano le loro azioni nella ristrutturazione e concentrazione delle proprie aziende, mentre la piccola impresa cresce acquistando una maggiore autonomia e sviluppa la sua competitività allargando gli sbocchi sul mercato. Nascono le prime industrie di base e di beni strumentali, si diffonde lo spirito d’iniziativa e si formano giovani imprenditori in grado di sfruttare le condizioni favorevoli 18 Ibid., cit., pp. XX. 19 L. Cafagna, Dualismo e sviluppo nella storia d’Italia, cit., pp. 297-322.

Anteprima della Tesi di Alice Cattelan

Anteprima della tesi: Evoluzione e trasformazioni del meccanico vicentino dal secondo dopoguerra al duemila, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alice Cattelan Contatta »

Composta da 219 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 832 click dal 17/02/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.