Skip to content

Il Settecento secondo Stanley Kubrick: "Barry Lyndon"

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
affiancavano la percezione della caducità e della vanità dell’esistenza; e le feste e i divertimenti consumati in società erano inseparabili dalla visione della corruzione del corpo e dalla consapevolezza dell’ineluttabilità della morte. Un tempo dove alla ragione e ai Lumi non si disgiungevano i sentimenti e le sensazioni come fondamentali strumenti conoscitivi a disposizione dell’uomo. C’è poi un particolare geografico del luogo in cui si svolge la storia di Barry Lyndon: l’Inghilterra sotto il lunghissimo regno di Giorgio III (che si concluse con pazzia del monarca) 9 ; il che significava affrontare un periodo che vede un susseguirsi di guerre europee, la Rivoluzione americana, quella francese e poi i rivolgimenti napoleonici. Quanto agl’inglesi, la loro rivoluzione borghese l’avevano già fatta un secolo prima, e ora ne operavano un’altra, forse meno immediatamente dirompente e comprensibile, ma dagli effetti enormi: la rivoluzione industriale. Si è detto spesso come il Settecento sia il momento storico in cui si creano le forme della nostra modernità e, probabilmente, l’Inghilterra del tempo ne era il più sicuro avamposto. Sì, è il secolo dei Lumi, ma è anche il secolo delle fabbriche, del denaro, dei rapporti di produzione, della rivoluzione demografica e degli Imperi che toccano il proprio apice (quello inglese nel Settecento conoscerà insieme il suo apogeo e comincerà il suo declino egemonico). E’ anche il secolo in cui nasce un’”industria culturale” simile a quella che conoscevamo prima dell’irruzione dell’impero televisivo massmediatico e telematico, con i primi romanzi a grande tiratura e la pittura accessibile anche alla ricca borghesia. Di tutto questo che tracce permangono nel film di Kubrick? Molte, seppur nascoste dietro il velo di una mediazione che è soprattutto culturale, artistica, e che mira a mostrare l’apoteosi di una classe, quella aristocratica, che aveva fino ad allora dominato la società occidentale ed era pian piano destinata a un inesorabile declino nella sua fissità da acquario. Come detto, una questione di metodo si poneva al regista: in che modo rappresentare visivamente il Settecento? La risposta è altrettanto “visiva”: Kubrick sembra voler perseguire l’utopia di creare un cinema storico e in costume partendo da quello che era il “cinema” dell’epoca settecentesca, la maniera in cui un secolo si mostrava e raccontava per immagini: attraverso la pittura. Sembra ancora di sentire il regista parlare del suo progetto su Napoleone: Per Barry Lyndon ho creato un vastissimo archivio iconografico di disegni e dipinti presi da libri d’arte. Queste figure servirono come punto di riferimento per tutto quello che avevamo bisogno di creare: vestiti, suppellettili, arnesi, strutture architettoniche, eccetera 10 . Ancora più illuminanti le parole di Ken Adam: Personalmente, a partire dalla lettura del libro di Thackeray, mi sarebbe piaciuto elaborare la mia concezione del XVIII secolo [...]. Qualunque sia il libro che leggo, me ne faccio un’idea nella mia mente. Se non conosco l’epoca, faccio naturalmente delle ricerche, ma ad un certo momento mi allontano dalla documentazione e comincio a lavorare sulla base di una mia interpretazione personale. Stanley non era affatto d’accordo. Secondo lui la via più sicura – e conoscendo la sua struttura mentale, lo capisco – era d’ispirarsi a pittori come Gainsborough, Hogarth, Reynolds, Chardin, Watteau, Zoffany, Stubbs (per i costumi di caccia), e in particolare Chadowiecki [...]. Per me fu insomma una ricerca immensa, cui seguì il tentativo di riprodurre il frutto di quella ricerca [...]. Eppure è stato un lavoro affascinante. Abbiamo fatto ricerche sugli spazzolini da denti, sui 9 A sua volta oggetto di un altro film, La pazzia di re Giorgio (The Madness of King George, 1995), con lo stesso scenografo di Barry Lyndon: Ken Adam. 10 Ivi, p. 182.
Anteprima della tesi: Il Settecento secondo Stanley Kubrick: "Barry Lyndon", Pagina 4

Preview dalla tesi:

Il Settecento secondo Stanley Kubrick: "Barry Lyndon"

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Davide Magnisi
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Cinema e Storia: codici interpretativi, scenari storici, matrici letterarie
Anno: 2001
Docente/Relatore: Raffaele Licinio
Istituito da: Università degli Studi di Bari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antonio vivaldi
arti visive e cinema
cinema e letteratura
franz shubert
gainsborough
haendel
milena canonero
musica e cinema
reynolds
william thackeray

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi