Skip to content

Il Settecento secondo Stanley Kubrick: "Barry Lyndon"

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
profilattici, su un sacco di cose dell’epoca che in conclusione non sono poi apparse sullo schermo. L’esperienza è stata massacrante 11 . Lo stesso lavoro “filologico” fu fatto per gli ambienti in cui girare il film. E’ ancora Adam a parlare: Stanley voleva che fosse in un certo senso un documentario sul XVIII secolo. Gli sembrava più sicuro, onde evitare errori, andare a filmare gli edifici di quell’epoca. Il mio problema era quello di creare una progressione nelle scenografie: secondo me lo sfondo irlandese della giovinezza di Barry Lyndon doveva essere molto più primitivo, doveva appartenere ad un’epoca più antica rispetto alle scene girate in Inghilterra. Fui molto deluso di non poter trovare degli edifici irlandesi dell’epoca, perché sembrava che fossero stati tutti distrutti dalle rivoluzioni e dalle guerre. Finalmente siamo riusciti a trovare un’architettura anteriore al XVIII secolo combinando tre architetture di tre posti diversi: Caher Castle, Ormond House e Huntingdon. Mi ci volle molto tempo per scoprirli. D’altronde volevo che il palazzo di Lady Lyndon, che apparteneva ad una vecchia famiglia aristocratica, fosse anch’esso più antico del XVIII secolo, altrimenti avrebbe dato l’impressione di arricchiti. Ed ho convinto Stanley ad accettare quest’idea. Benché esistano molti palazzi elisabettiani, stuartiani e jamesiani, è stato molto difficile trovarne uno che fosse di grande bellezza. D’altra parte, in alcuni castelli ci rifiutavano l’autorizzazione a girare. Ancora una volta abbiamo creato un’architettura composita utilizzando Wilton (Salisbury), Petworth (Sussex), Longleat (Wiltshire) e Howard Castle (York) per gli esterni. [...] Stanley controllava perfettamente nella sua testa questa mescolanza d’ambienti. Un critico d’arte potrebbe senz’altro notare i “salti” nella decorazione da un ambiente all’altro, ma a mio parere non era molto importante, perché nei castelli inglesi c’è questa sovrapposizione di stili. A Wilton, ad esempio, c’è dello stile elisabettiano e del XVIII secolo 12 . La stessa cura estrema del dettaglio storico è applicata alla scelta e alla realizzazione dei costumi, per rendere il più possibile realistica la finzione. Così Kubrick: Non c’è molta logica nel ricreare i costumi quando questi si trovano già belli e pronti sui quadri e sui disegni dell’epoca. E’ molto importante però procurarsi alcuni costumi reali dell’epoca per imparare come originariamente erano confezionati 13 . Kubrick assunse, come costumiste, Milena Canonero e Ulla-Britt Soderlund che girarono molti atelier in tutta Europa per trovare degli abiti che potessero far rivivere il gusto e la linea settecentesche nella maniera più raffinata, come si vedeva nei quadri dell’epoca. Per riprodurre i costumi necessari a popolare il Settecento che la macchina del tempo Kubrickiana si preparava a visitare, fu creata una vera e propria sartoria da campo che seguiva in ogni luogo le riprese. Gli abiti acquistati erano inservibili direttamente, anche perché le persone nel Settecento erano mediamente di taglia più piccola. Il regista supervisionava ogni cosa e impose che ogni costume fosse provvisto anche di sottabito e di biancheria d’epoca, in modo che gli attori avessero un portamento il più possibile vicino a quello che doveva essere nel Settecento, la stessa rigidità un po’ meccanica. Ma non c’erano solo i sontuosi vestiti dei nobili completamente realizzati a mano nel laboratorio creato appositamente per il set: “Per le uniformi creavamo un prototipo di costume e poi affidavamo ad una piccola industria manifatturiera il compito di realizzarne la quantità che ci serviva per il film, anche centinaia e centinaia di pezzi” 14 . 11 Ivi, p. 211. 12 Ivi, pp. 211, 214. 13 Ivi, p. 182. 14 M. Canonero citata in Stefano Masi, Una sartoria da campo, in De Pascale Goffredo (a cura di), Barry Lyndon (libretto allegato alla videocassetta), l’Unità, Roma 1999, p. 20.
Anteprima della tesi: Il Settecento secondo Stanley Kubrick: "Barry Lyndon", Pagina 5

Preview dalla tesi:

Il Settecento secondo Stanley Kubrick: "Barry Lyndon"

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Davide Magnisi
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Cinema e Storia: codici interpretativi, scenari storici, matrici letterarie
Anno: 2001
Docente/Relatore: Raffaele Licinio
Istituito da: Università degli Studi di Bari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antonio vivaldi
arti visive e cinema
cinema e letteratura
franz shubert
gainsborough
haendel
milena canonero
musica e cinema
reynolds
william thackeray

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi