Skip to content

Il Settecento secondo Stanley Kubrick: "Barry Lyndon"

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Però, tutta questa acribia filologica (o questa illusione filologica) ancora non bastava a Kubrick. Ci voleva qualcosa di mai realizzato prima, qualcosa che potesse restituire completamente le atmosfere settecentesche viste nei dipinti, l’essenza stessa di quei quadri, di un tempo e della pittura stessa: la luce. E non solo la luce in esterni, per cui si girava solo quando c’erano gli effetti giusti, ma anche quella degli interni: fino ad allora, tutti i film ambientati in un passato “storico”, erano stati girati utilizzando la luce elettrica che illuminava degli ambienti presumibilmente rischiarati solo dalle candele. Così, nonostante il visibile tremolio delle fiammelle, l’illuminazione degli interni era completamente falsata da fari elettrici che rovinavano il bagliore caldo e incantato delle candele. Negli anni ’70 non esisteva né un tipo di obiettivo né una pellicola che potesse restituire la fioca luce delle candele. Ma, mentre progettava il suo film, Kubrick venne a sapere che la Zeiss aveva messo a punto, per il programma spaziale Apollo della Nasa, un nuovo sensibilissimo obiettivo costruito appositamente per le fotografie satellitari: “Era cento volte più veloce del più veloce obiettivo cinematografico” 15 . La disponibilità di una lente del genere dava a Kubrick la possibilità di spingersi oltre i limiti della fotografia cinematografica del tempo e di ricreare quell’universo che andava vagheggiando: “La luce delle candele, combinata con le autentiche architetture dell’epoca, avrebbe creato una purezza di immagine che avrebbe permesso di ritrarre il diciottesimo secolo con il realismo pittorico di un documentario” 16 . E, la fotografia del bravissimo John Alcott, letteralmente dipingeva con la luce: “Con questo obiettivo era ormai possibile girare in condizioni di luce così minima che era difficile leggere. Per le scene in interni di giorno usammo la luce reale che proveniva dalle finestre” 17 . La cura maniacale con cui il regista compose tutte le inquadrature del film a partire da quadri di autori del Settecento inglese, non deve essere vista come il frutto di un compiacimento intellettuale, un vezzo figurativo, ma l’assunzione consapevole di un codice. Raccontare la Storia significa, allora, per Kubrick, ricostruirne la tradizione dell’immaginario, una vera e propria visione della Storia che la consegna inesorabilmente al passato. Così Alcott, il direttore della fotografia: Cercavamo di riprodurre le situazioni decise in base alla ricerca, e di riferirci ai disegni e ai dipinti previsti per la giornata – in che modo erano illuminate le stanze e così via. Le composizioni effettive delle nostre inquadrature erano molto fedeli ai disegni dell’epoca 18 . La filosofia cinematografica kubrickiana opera scopertamente il primo atto fondamentale di ogni discorso sul reale (e quindi sulla sua rappresentazione): dichiarare attraverso quale mediazione si definisce il reale come tale. Significativamente, così Alberto Moravia si espresse sul film: Kubrick poteva scegliere tra due strade: quella realistica cioè degli ambienti come erano realmente; oppure quella degli ambienti come il Settecento, attraverso la sua arte, ci fa capire che avrebbero voluto che fossero. Ha scelto quest’ultima strada e ne è venuta fuori una galleria di dipinti di autori inglesi dell’epoca... cioè di pittori che hanno espresso il sogno di razionalità, di ordine, di grazia, di nitore, di sensibilità e di compostezza di un secolo demoniaco, sudicio, cinico, empio, insensibile e turbolento 19 . 15 Kubrick citato in M. Ciment, Kubrick cit., p. 182. 16 V. LoBrutto, Stanley Kubrick cit., pp. 403-404. 17 Kubrick citato in M. Ciment, Kubrick cit., p. 182. 18 Ivi, p. 412. 19 Citato in Enrico Ghezzi, Stanley Kubrick, l’Unità/Il Castoro, Milano 1995, p. 114.
Anteprima della tesi: Il Settecento secondo Stanley Kubrick: "Barry Lyndon", Pagina 6

Preview dalla tesi:

Il Settecento secondo Stanley Kubrick: "Barry Lyndon"

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Davide Magnisi
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Cinema e Storia: codici interpretativi, scenari storici, matrici letterarie
Anno: 2001
Docente/Relatore: Raffaele Licinio
Istituito da: Università degli Studi di Bari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antonio vivaldi
arti visive e cinema
cinema e letteratura
franz shubert
gainsborough
haendel
milena canonero
musica e cinema
reynolds
william thackeray

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi