Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cento anni di studi liutari: una bibliografia organologica verificata tramite internet

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 1.2 I motori di ricerca Il termine motore di ricerca indica un sistema informatico che si occupa di recuperare delle informazioni attraverso l’indicizzazione e la classificazione di documenti, nel caso specifico pagine web che vengono memorizzate in un database, e che permette poi al navigatore di compiere ricerche in base a parole o soggetti di interesse. Il termine è precedente all’avvento di Internet: questo sistema di ricerca, infatti, veniva già usato dai produttori di Cd-Rom per il recupero delle informazioni. I primi strumenti di ricerca, costruiti espressamente per la rete, ma non ancora paragonabili agli attuali motori di ricerca, apparvero intorno alla fine degli anni ottanta. Essi si basavano su strumenti cosiddetti ad “emulazione terminale” (chiamati anche Remote Login) quali “Telnet” oppure su “FTP” (File Transfer Protocol), collegamenti che mettevano a disposizione archivi di documentazione costituiti principalmente da file di testo e più tardi anche da immagini. I motori di ricerca tradizionali creano i propri indici attraverso lo “spidering”, un processo che prevede la navigazione del web a cui segue la memorizzazione e l’indicizzazione di parole chiave, link e testo, oppure il “crawling”, cioè lo stesso processo effettuato per le pagine del web di superficie. Per essere scoperta, la pagina deve essere statica, cioè in html dove è possibile vedere solamente i dati e non modificarli, e collegata al web profondo – quelle pagine che non esistono fino a quando non vengono create dinamicamente da una ricerca specifica. Poiché i crawler dei motori di ricerca tradizionali, cioè quella parte dei motori di ricerca che gira sul web alla ricerca di pagine da memorizzare nei suoi indici, non possono sondare sotto la superficie, il web profondo è restato fino a qualche anno fa quasi nascosto.

Anteprima della Tesi di Patrizia Pari

Anteprima della tesi: Cento anni di studi liutari: una bibliografia organologica verificata tramite internet, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Patrizia Pari Contatta »

Composta da 153 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2536 click dal 21/02/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.