Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La teoria monetaria della produzione - Il contributo di Keynes negli articoli del 1932-33

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 sono qui riassunte brevemente: • la società è caratterizzata dall’assenza di conflitti di classe, ciascun individuo è libero di ricoprire il ruolo che preferisce all’interno del sistema, quindi tutti gli operatori concorrono in regime di parità a prendere le decisioni di produzione; da qui scaturisce la definizione di economia cooperativa che Keynes e Robertson utilizzano per caratterizzare la teoria neoclassica; • vige l’ipotesi di concorrenza perfetta, e di perfetta razionalità degli operatori, dalla quale scaturisce la validità della legge degli sbocchi o legge di Say 2 . Le due ipotesi considerate congiuntamente permettono di dimostrare come il sistema economico di mercato raggiunga sempre 2 La legge di Say ipotizza che tutti i soggetti agiscano in un piano di parità, ed abbiano quindi il medesimo obiettivo: massimizzare il benessere attraverso il consumo di beni; solo il soddisfacimento dei bisogni attraverso il consumo di beni, è in grado di conferire la soddisfazione che gli operatori cercano. In quest’ottica, solo un “pazzo” potrebbe detenere moneta in forma liquida. J.B Say scriveva nel, Traité d’économie politique, Parigi, 1826, vol. I, cap. XV ”quando un produttore ha completato un prodotto, il suo desiderio più grande è di venderlo, per evitare che il valore del prodotto resti ozioso nelle sue mani. Ma egli ha altrettanta fretta di disfarsi del denaro che la vendita gli procura per evitare che sia il valore del denaro a restare ozioso”. Da qui, deriva l’identità tra redditi e consumi, ovvero tutto il reddito viene speso.

Anteprima della Tesi di Leonardo Rossetto

Anteprima della tesi: La teoria monetaria della produzione - Il contributo di Keynes negli articoli del 1932-33, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Leonardo Rossetto Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4611 click dal 14/04/2005.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.