Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La condanna dell'usura in alcune prediche di S. Bernardino da Siena, di S. Giacomo della Marca e del beato Bernardino da Feltre

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 raccolta di prediche che ho utilizzato nel presente lavoro (3). La seconda raccolta a cui mi sono dedicato è rappresentata dal ciclo senese del 1427, che, grazie al suo fedele riportatore, il senese Benedetto di Maestro Bartolomeo, è considerato "il più perfetto dell'intero corpus delle reportationes bernardiniane" (4). L'edizione che ho usato si basa sul codice membranaceo U.I.4 [B] (XV secolo, custodito nella Biblioteca Comunale di Siena); in essa vengono però corretti i passi ritenuti lacunosi o imperfetti, con l'ausilio degli altri venti codici esistenti, testimoni anch'essi del ciclo senese del 1427 (5). In quest'ultimo, dove non è presente alcuna predica dedicata esclusivamente alla piaga usuraria, ho ritenuto utile, per il _____________________________ (3) Bernardino da Siena, Le prediche Volgari. Predicazione del 1425 in Siena, a cura di C. Cannarozzi, Firenze 1958, vol. I, pag. V- VII. (4) Bernardino da Siena, Prediche Volgari sul Campo di Siena 1427, a cura di C. Delcorno, Milano 1989, vol.I, p. 24. (5) Ibidem, pp. 67-70.

Anteprima della Tesi di Mario Bellomo

Anteprima della tesi: La condanna dell'usura in alcune prediche di S. Bernardino da Siena, di S. Giacomo della Marca e del beato Bernardino da Feltre, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Mario Bellomo Contatta »

Composta da 240 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6056 click dal 23/02/2005.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.