Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione alternativa dei rischi assicurativi: i catastrophe bonds

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 Questo rischio viene poi completamente ceduto alla captive tramite un trattato di riassicurazione noto con il nome di fronting agreement (vedi figura 1.2). I rischi sono poi retrocessi, in parte, a compagnie di riassicurazione professionali. Pertanto l’assicurato ottiene una polizza emessa sulla carta della società assicurativa, ma dal punto di vista economico il rischio della copertura, per la parte non retrocessa, rimane alla società captive. Questa procedura trova ragione nel fatto che l’assicuratore diretto in genere ha bisogno di una licenza per l’esercizio dell’attività assicurativa in ogni paese in cui opera ed è controllato dalle autorità locali. Per contro il riassicuratore in genere opera a livello internazionale ed è soggetto al controllo delle autorità solo nel paese in cui ha sede. Figura 1.2 Ciclo operativo di una captive di riassicurazione 6 Impresa XYZ 6 P. Wohrmann, C. Burer, “Captives”, Alternative Risk Strategies Part I Cap.9, Morton Lane, Londra, 2002. Affiliate locali US UK F D I ass. dir. ass. dir. ass. dir. ass. dir. ass. dir. Società Fronting Cessione Captive dell’azienda XYZ Retrocessione Mercato riassicurativo professionale

Anteprima della Tesi di Antonio Zurlo

Anteprima della tesi: La gestione alternativa dei rischi assicurativi: i catastrophe bonds, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Antonio Zurlo Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8006 click dal 25/02/2005.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.