Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Logiche e strumenti della pubblicità digitale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Il punto di partenza negli studi del settore è costituito dall’opera di due importanti scienziati americani: Claude Shannon e Warren Weaver1, che alla fine degli anni quaranta, all’interno della loro teoria matematica dell’informazione, hanno per primi formulato una definizione generale della comunicazione. La comunicazione è “un trasferimento di informazioni mediante segnali da una fonte a un destinatario” (Shannon e Weaver). All’interno della stessa teoria troviamo anche una definizione rigorosa di informazione che, come nel concetto matematico, individua nel bit l’unità di misura dell’informazione (che corrisponde all’unità elementare di scelta: si o no; acceso o spento, uno o zero). Oltre alla definizione di comunicazione, Shannon e Weaver elaborarono uno schema generale dei processi comunicativi che costituisce ancora oggi la base di ogni studio sulla comunicazione. La fonte è l'origine dell'informazione; essa genera (in qualche modo) un messaggio che un apparato trasmittente trasforma in segnale; i segnali a loro volta sono trasmessi mediante un canale fisico fino al ricettore che li converte nuovamente nel messaggio ricevuto dal destinatario. Elemento di ostacolo al buon fine del processo comunicativo è il rumore, cioè la presenza di disturbi lungo il canale che possono danneggiare i segnali (quali le interferenze elettriche o magnetiche che si possono generare lungo un cavo di trasmissione). Figura 1: lo schema della comunicazione di Shannon e Weaver Lo schema individua sia la forma generale di ogni processo comunicativo, sia i fattori fondamentali che lo costituiscono, quegli elementi, cioè, che devono essere presenti ogni qual volta si verifichi un passaggio di informazione. Lo schema consente di cogliere e 1 Shannon C. e Weaver W. - La teoria matematica delle comunicazioni, Etas libri, Milano, 1971. FONTE TRASMITTENTE CANALE RICETTORE DESTINATARIO MESSAGGIO SEGNALE EMESSO SEGNALE RICEVUTO MESSAGGIO RUMORE

Anteprima della Tesi di Matteo Tonoli

Anteprima della tesi: Logiche e strumenti della pubblicità digitale, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Matteo Tonoli Contatta »

Composta da 201 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6300 click dal 25/02/2005.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.