Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il cinema americano e la controcultura fra gli anni '50 e gli anni '70

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 debolmente il dito contro il malessere della società post-bellica, avviata sulla strada del benessere ma priva di un’identità. Sono film nei quali la compiacenza nei confronti dei nuovi fermenti generazionali è confinata alla superficialità. Si tratta dei soliti espedienti commerciali e non prese di posizioni solidali nei confronti nei nuovi fenomeni di ribellismo e di emancipazione giovanile. Controllando e dosando ottimamente gli ingredienti della rappresentazione, le grosse case produttrici di Hollywood si mettono al sicuro da ogni eventuale rischio facendo in modo che il pubblico giovane apprezzi la parte eversiva di questi film senza rendersi conto di quanto in realtà siano reazionari e compiacenti verso gli atteggiamenti più moderati e controllabili della gioventù americana 17 . Il cinema mainstream ha quindi operato puntando su una razionalizzazione e su una riorganizzazione delle nuove strutture piuttosto che a una loro effettiva messa in discussione, adeguandosi superficialmente ai mutati standard di consumo di spettacolo e assumendo di nuovo, dopo la breve crisi, l’ormai consolidata e decisiva funzione di riuscire a fare, del cinema commerciale, il medium d’avanguardia dei processi di rappresentazione del mondo e riuscendo ancora ad ancorarsi alle rive del Capitale, per restare, come afferma anche Guy Debord, lo stabile metodo organizzativo più forte per il consumo di spettacolo 18 . Greg Merrit, nel già citato Celluloid Mavericks, spiega che questa funzione del cinema si rivelerà vincente poichè la maggioranza dei ribelli senza causa e dei giovani perduti rappresentati dal cinema commerciale, sono proprio i figli della borghesia per bene, di quell’establishment che beneficia maggiormente del boom economico 19 . 17 ibidem. 18 cfr. G.. Debord, op. cit. 19 cfr. G. Merritt, op. cit.

Anteprima della Tesi di Lorenzo Mazzoni

Anteprima della tesi: Il cinema americano e la controcultura fra gli anni '50 e gli anni '70, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Lorenzo Mazzoni Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8701 click dal 28/02/2005.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.