Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Raccolta, riutilizzo e recupero dei rifiuti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 loro pericolosità, passassero per lo sviluppo di tecnologie pulite finalizzate al recupero degli stessi. La prima Direttiva in materia di ambiente, concernente lo smaltimento dei rifiuti, è la Direttiva CEE 75/442 6 i cui obiettivi sono la protezione della salute umana e dell’ambiente contro gli effetti nocivi della gestione dei rifiuti. Si propone altresì di riavvicinare le legislazioni degli Stati membri in materia, per evitare disuguaglianze nelle condizioni di concorrenza. Tale Direttiva rappresentava una vera e propria normativa quadro, a cui sono seguite altre direttive specifiche, come la Direttiva CEE 76/403 sullo smaltimento dei policlorodifenili e dei policlorotrifenili, e la Direttiva 78/319 in materia di rifiuti tossico-nocivi. Queste direttive, recepite con il D.P.R. 915/82 7 - emanato nel 1982 e reso attuativo con provvedimento del 1984 8 - , hanno costituito il supporto per la prima disciplina quadro in materia di razionale smaltimento dei rifiuti. Tale sistema normativo rappresenterà il riferimento principale fino all’emanazione del cosiddetto “Decreto Ronchi”, operativo nei primi mesi del 1998. Successivamente, il gruppo di norme europee sopra citate ha subito un processo di evoluzione dovuto 6 15 luglio 1975 7 Provvedimento integralmente abrogato dall’art. 56, 1° comma, lettera B D.lgs n° 22/97 8 Del. Comitato interministeriale, 27 luglio 1984

Anteprima della Tesi di Marco Manni

Anteprima della tesi: Raccolta, riutilizzo e recupero dei rifiuti, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marco Manni Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16771 click dal 28/02/2005.

 

Consultata integralmente 42 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.