Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Argentina: la storia attraverso la macchina da presa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 1. L’inizio della modernità: la costruzione della Repubblica Argentina 2 Verso la fine dell’Ottocento le giovani repubbliche democratiche del Cono Sur attraversano un periodo relativamente prospero; si assiste ad una sorta di “europeizzazione” dell’America Latina, in special modo dei Paesi del Cono Sur, ovvero un tentativo di adeguare le strutture presenti ai ritmi europei, in special modo allo sviluppo economico della Gran Bretagna. All’inizio del secolo, infatti, l’Argentina adotta un modello di sviluppo economico prevalentemente agropastorale come conseguenza della formazione di una classe dominante costituita dai proprietari terrieri legati agli interessi degli investitori stranieri, in particolare quelli inglesi. Entra, così, a far parte del già sviluppato sistema capitalista mondiale in veste di produttore di materie prime, quasi esclusivamente alimentari, e come ricettore di investimenti a medio e lungo periodo che permetteranno la creazione delle infrastrutture necessarie (ferrovie, porti, etc). A favorire questo nuovo orientamento delle strutture economiche locali sono state le oligarchie nazionali che, in tal modo si trovavano nella condizioni di operare liberamente nella gestione della vita politica. Si vengono a creare, così, due sfere di influenza: l’una molto moderna di natura strettamente economica legata agli interessi delle banche inglesi, l’altra molto più arretrata e di natura politica legate alle oligarchie del Paese. Questo modello di rapido sviluppo aveva bisogno per la sua crescita di un numero maggiore di popolazione attiva, fatto che incoraggia l’immigrazione di lavoratori dalle zone più povere d’Europa, in particolare dall’Italia e dalla Spagna, modificando, così, la struttura demografica e sociale del Paese. Questi lavoratori, attratti dalla gran quantità di terra e di lavoro disponibile, diventeranno i primi operai e si organizzeranno nelle città secondo le tradizioni di lotta dei paesi di origine contrastando la concentrazione di grandi quantità di terra in mano di pochi. Una situazione di prosperità economica e una relativa pace a livello politico contraddistinguono la fine del secolo e i primi anni del ‘900. 2 Guarini, Giovanni, I desaparecidos Argentini, Pubblicazioni Centro Studi per la Pace, 24 marzo 2001, www.studiperlapace.it

Anteprima della Tesi di Mariapiera Forgione

Anteprima della tesi: Argentina: la storia attraverso la macchina da presa, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere

Autore: Mariapiera Forgione Contatta »

Composta da 181 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4968 click dal 02/03/2005.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.