Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La famiglia di fatto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 L’evoluzione terminologica testimonia infatti come l’atteggiamento di riprovazione sociale, implicito nel termine “concubinato”, portatore di una pregiudiziale chiusura non solo giurisprudenziale ma prima di tutto sociale, e omonimo dello stesso previgente titolo di reato contro il matrimonio, abbia ceduto il passo ad una posizione di neutra accettabilità da parte dell’ordinamento, implicita invece nei termini quali “convivenza more uxorio”e “famiglia di fatto”. Dal concubinato, passando per la convivenza more uxorio fino a giungere alla famiglia di fatto, si assiste ad una evoluzione del costume scandita in vere e proprie fasi in successione temporale. La prima fase, l’unica ad avere tra l’altro un preciso riscontro normativo, si ricostruisce a partire dall’analisi dell’antico istituto del concubinato romano, definibile come una sorta di adulterio continuato; ed è proprio su questo istituto che si forma il nucleo di una riflessione giuridica diffusa dal diciannovesimo secolo fino ai nostri giorni. La definizione tradizionale lo descrive come la convivenza di un uomo e di una donna che si distanzia sia dal matrimonio, in quanto mancante di “honor matrimonii” e “affectio maritalis”, sia dalle unioni temporanee per essere caratterizzato da continuità.I

Anteprima della Tesi di Maria Lucia Civello

Anteprima della tesi: La famiglia di fatto, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Maria Lucia Civello Contatta »

Composta da 272 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 24535 click dal 01/03/2005.

 

Consultata integralmente 93 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.