Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dall'aggiornamento obbligatorio ad un modello di Sviluppo Professionale Continuo in medicina. L'esperienza del Knowledge Centre dell'ospedale di Udine

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 PRIMO CAPITOLO UNO SGUARDO SULL’EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA TRA PASSATO, PRESENTE E FUTURO 1.1 La normativa e il panorama italiano L’esercizio della professione medica ha sempre posto una certa enfasi sulle necessità di aggiornamento, notevolmente accentuate negli ultimi anni, dalla rapida evoluzione delle conoscenze e dalla richiesta di standard di prestazione sempre più elevati e controllati per quantità e qualità. L’Unione Europea dei Medici Specialisti (UEMS) sostiene che l’Educazione Continua in Medicina (ECM) sia un “obbligo morale” il cui assolvimento deve avere “visibilità” sia presso i pazienti, sia presso le amministrazioni pubbliche e private della sanità. 1 I rapidissimi cambiamenti che avvengono nel campo delle conoscenze biomediche e nell’ambito dell’evoluzione tecnologica ed organizzativa, impongono ai professionisti un continuo aggiornamento delle proprie conoscenze, abilità tecniche, relazionali e comportamentali, con l’obiettivo di 1 UEMS: Documents on Continuing Medical Education. In www.uems.be/cme.htm

Anteprima della Tesi di Andrea Roselli

Anteprima della tesi: Dall'aggiornamento obbligatorio ad un modello di Sviluppo Professionale Continuo in medicina. L'esperienza del Knowledge Centre dell'ospedale di Udine, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Andrea Roselli Contatta »

Composta da 267 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4272 click dal 10/03/2005.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.