Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il servizio stampa dell'europarlamento. Raccolta, selezione, trattamento delle notizie sulla principale istituzione europea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 gli inevitabili aspetti di parzialità, garantendo una rappresentazione che rispetti la “verità sostanziale dei fatti”2. Le fonti sono state classificate dagli studiosi di comunicazione e mass media in diverse categorie: Alberto Papuzzi ha operato una distinzione in fonti primarie e fonti secondarie. Le fonti primarie “garantiscono credibilità all’informazione o perché possiedono un’autorevolezza istituzionale o perché viene loro riconosciuta una competenza specifica”3. Ad esempio il Ministro dell’Interno su problemi di sicurezza nazionale, il Presidente della A.S. Roma sulle difficoltà finanziarie della squadra, il Sindaco della città che spiega un nuovo provvedimento sul traffico urbano. Le fonti secondarie sono quelle “la cui attendibilità è affidata alla stessa citazione giornalistica, nel senso che è il giornalista, dando loro voce, a legittimarle agli occhi del pubblico”4. Sono le fonti che devono essere necessariamente verificate, deve esserne accertata la veridicità. In caso di smentite, o notizie non confermate, il primo a subirne le conseguenze sarà il giornalista, colpevole di aver aperto i cancelli dell’informazione a una fonte poco attendibile. Esempi di questo tipo sono: il testimone oculare di un delitto, il vicino di casa, i presenti ad una protesta. Francesco Giorgino5 distingue le fonti facendo riferimento all’ufficialità o meno dell’origine dell’informazione e alla sua eventuale specializzazione. Le fonti ufficiali, convenzionalmente giudicate credibili, provengono dagli uffici stampa delle istituzioni e delle grandi aziende; appartengono a questa categoria, per esempio, l’ufficio stampa del Parlamento 2 L’obbligo inderogabile del giornalista è “il rispetto della verità sostanziale dei fatti, osservati sempre i doveri imposti dalla lealtà e della buona fede”, Premessa della Carta dei doveri del giornalista, sottoscritta dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti e dalla Federazione nazionale della stampa italiana l’8 luglio del 1983. 3 In Alberto Papuzzi, 3URIHVVLRQHJLRUQDOLVWD, cit., pag. 30. 4 In Alberto Papuzzi, 3URIHVVLRQHJLRUQDOLVWD, cit., pag. 30. 5 In Francesco Giorgino, 'LHWUROHQRWL]LH, Mursia, 2004, cap. 3.

Anteprima della Tesi di Stefano Iannucci

Anteprima della tesi: Il servizio stampa dell'europarlamento. Raccolta, selezione, trattamento delle notizie sulla principale istituzione europea, Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Stefano Iannucci Contatta »

Composta da 238 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 849 click dal 01/03/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.