Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I tragitti storici della ex Jugoslavia: la dialettica tra l’uno ed il molteplice. Tentazioni identitarie e tentativi di ricomposizione.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 alla creazione di tre nuovi stati (Bulgaria, Romania, Albania) avrebbero dovuto fare da pendant l’aquisizione della Bosnia-Erzegovina da parte dell’Austria e della Bessarabia (perduta nel 1856) da parte della Russia. Ma le fortune della guerra (i serbi furono nettamente sconfitti) portarono alla conservazione dello status quo balcanico. Gennaio 1877: un nuovo accordo fu raggiunto a Budapest tra Austria e Russia; Mosca voleva strappare ad Istanbul il controllo sugli stretti del Bosforo e dei Dardanelli (il c.d. “sbocco sui mari caldi”) ed era disposta a scambiare il placet ad un’occupazione austriaca della Bosnia- Erzegovina con una promessa di neutralità e opposizione alla mediazione collettiva. Aprile 1877: la Russia dichiarò guerra alla Turchia. Marzo 1878: la pace di Santo Stefano premiò la vittoria russa con acquisizioni territoriali in Armenia e nella Dobrugia (da barattare con la Bessarabia di una costituenda Romania) e soprattutto… con la creazione di un vasto stato bulgaro che si estendeva dal Nero all’Egeo e che sarebbe rimasto sotto occupazione russa per due anni. La creazione di questo stato venne considerata equivalente allo stabilirsi di una preminente influenza russa sui Balcani, che Mosca non considerava un fine geopolitico in se stesso ma un mezzo per assicurare il controllo degli stretti. In base a quella pace, inoltre, Serbia e Montenegro sarebbero stati ampliati e la Bosnia-Erzegovina sarebbe diventata autonoma sotto supervisione austro-russa. Era quest’utimo punto a contraddire i contenuti delle convergenze diplomatiche di Reichstadt e Budapest, in quanto non mostrava alcuna considerazione per gli interessi austriaci. La crisi fu inevitabile. Un congresso, da tenersi nella neutrale Berlino, fu incaricato di definire la situazione.

Anteprima della Tesi di Gianluca Serra

Anteprima della tesi: I tragitti storici della ex Jugoslavia: la dialettica tra l’uno ed il molteplice. Tentazioni identitarie e tentativi di ricomposizione., Pagina 5

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Gianluca Serra Contatta »

Composta da 38 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2765 click dal 02/03/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.