Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Modelli di Assegnazione del Rating in presenza di Gruppi di Imprese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

INTRODUZIONE XI propagazione del Default, così come anche l’accuratezza stessa delle stime di previsione, dipendono infatti dalla completezza del quadro di gruppo che la banca è riuscita a costruirsi. Limitare la visuale alla sola parte di gruppo affidato sarebbe quindi , in ottica Basilea 2, del tutto insensato. Il capitolo si chiude evidenziando le peculiarità, le problematiche, e gli interrogativi ancora aperti che il fenomeno dei gruppi causa all’applicazione dell’approccio IRB e sulle politiche gestionali e relazionali della banca con questa specifica tipologia di clientela Corporate. Al quinto capitolo viene “riservato” il supporto empirico alle teorie espresse: nel primo paragrafo vengono presentati i principali studi sulla diffusione del fenomeno “gruppi” nel tessuto imprenditoriale italiano. Partendo dal consistente lavoro della Centrale dei Bilanci del 1992, attraverso l’indagine INVIND di Banca d’Italia ed il lavoro di Barca (1994), l’approfondito studio MedioCredito Centrale (1996), la ricerca Nomisma (1998), i risultati del Centro Studi dell’Unione Camere di Commercio (2002/2003) ed una personale ricerca su database AIDA (2004), si evince che il fenomeno dei gruppi interessa attualmente più del 50% delle aziende italiane (con almeno 50 addetti) ufficialmente censite. A questa percentuale deve perciò aggiungersi la quota percentuale di gruppi “sommersi” o non consolidati. Viene inoltre evidenziata l’elevata diffusione nelle regioni settentrionali, la forte presenza nei settori finanziari (caratterizzati da una più elevata possibilità di diversificazione delle attività) e l’attuale tendenza all’aggregazione da parte delle PMI. Il secondo e ultimo paragrafo presenta infine il risultato della personale esperienza lavorativa in SanPaolo IMI: nella prima parte viene presentata la “storia” del rating all’interno dell’Istituto, mentre nella seconda è esaminato lo specifico trattamento riservato ai gruppi di imprese. L’utilizzo di un sistema di rating ha genesi in SanPaolo IMI nel 1994: per la prima volta, per determinati “grandi clienti”, viene espresso un giudizio di merito creditizio annuale. A seguito della privatizzazione e della riorganizzazione societaria necessaria dopo le numerose fusioni, è però solo nel 1998 che in SanPaolo parte un primo vero e proprio sistema di credit risk management.

Anteprima della Tesi di Alberto Tomasini

Anteprima della tesi: I Modelli di Assegnazione del Rating in presenza di Gruppi di Imprese, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alberto Tomasini Contatta »

Composta da 205 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2270 click dal 04/03/2005.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.