Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Disinformazione di guerra. Il caso Al Jazeera

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

notiziari per competere con ciò che gli esperti del settore chiamavano effetto Fox” 3 . Secondo i dati diffusi dall’istituto Nielsen, una sorta di Auditel americano, il maggior beneficiario del conflitto in termini di ascolti è stata proprio Fox News, che ha fatto del patriottismo integrale e dell’appoggio incondizionato al secondo conflitto iracheno il proprio marchio di fabbrica, promuovendo uno stile aggressivo e sensazionalistico di sicura presa sul pubblico. Il nuovo canale di informazioni via cavo è tuttavia solo la punta dell’iceberg della News Corporation, il gigantesco impero editoriale presieduto da Rupert Murdoch, che grazie all’acquisizione del canale satellitare Direct Tv, oltre alle svariate Sky Tv sparse in tutto il mondo, può contare sulla smisurata cifra di 120 milioni di abbonati distribuiti in 52 paesi. La News Corporations inoltre pubblica 175 giornali nel mondo, tra cui The Times, The Sunday Times, The Sun, The News of the World, nel Regno Unito, il New York Post ed il Weekly Standard negli Stati Uniti. 40 milioni di esemplari alla settimana in totale, venduti in tutti i continenti. William Randolph Hearst, il simbolo dell’influenza raggiunta dal “Quarto Potere” all’epoca dell’”età dell’oro della stampa”, e alla cui figura non a caso si ispira Citizen Kane ,il capolavoro cinematografico di Orson Welles, al confronto con l’estensione smisurata dell’impero mediatico di Murdoch, come sottolinea un’articolo apparso su Le Figaro, “farebbe la figura di un editore di bollettini locali” 4 . Hearst , attraverso una violenta campagna stampa a favore dell’intervento militare a Cuba, uno degli ultimi possedimenti spagnoli, trascinò praticamente gli Stati Uniti nel conflitto ispano- americano, ribattezzata da molti come la guerra di Hearst. Allo stesso modo, come sostiene Federico Rampini su La Repubblica del 16 Aprile 2003, “l’intervento in Iraq passerà alla storia come la 3 S.Rampton., J. Stauber., Vendere la guerra. La propaganda come arma d’inganno di massa, Ozzano dell’Emilia( Bo), Nuovi Mondi Media, 2004, p.139. 4 “Rupert Murdoch et Lord Black: Deux serviteurs zélés de la propagande francophobe , Le Figaro, 17 febbraio 2003, http://forums.transnationale.org 7

Anteprima della Tesi di Francesco Congiu

Anteprima della tesi: Disinformazione di guerra. Il caso Al Jazeera, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesco Congiu Contatta »

Composta da 311 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7256 click dal 04/05/2005.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.