Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Disinformazione di guerra. Il caso Al Jazeera

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

caratterizzato da ingenti sforzi comunicativi, inediti in quanto a dimensioni e durata dell’apparato propagandistico messo in campo, la presenza delle Tv arabe sia stata definita dal presidente della Commissione Federale per le Comunicazioni degli Stati Uniti, Reed Hunt, come un vera e propria “forza geopolitica” 12 . L’esplosione delle emittenti satellitari in lingua araba è stata l’altra grande novità che ha caratterizzato la copertura mediatica del secondo conflitto iracheno. Una novità non di poco conto, che con la rottura del monopolio occidentale delle informazioni, ha messo in moto una vera e propria rivoluzione nel sistema della comunicazione globale, destinata a produrre conseguenze profonde nel mondo arabo, un’area in cui la libertà d’informazione è sempre stata fortemente limitata o addirittura assente. Una delle cause principali del terremoto in atto nel sistema informativo arabo, un contesto mediatico tradizionalmente caratterizzato dal servilismo e dal conformismo, in cui la maggior parte dei grandi media è controllata, direttamente o indirettamente, dai poteri politici, è da imputare sicuramente allo strepitoso successo di Al Jazeera, la tv satellitare in onda 24 ore su 24 che ha conquistato fama planetaria con la spregiudicata messa in onda dei messaggi di Osama Bin Laden dopo i tragici attentati dell’11 settembre 2001. Nata nel 1996 a Doha, grazie ai finanziamenti dello sceicco Hamad Khalifa al-Thani, l'emiro del Qatar, oggi può contare su un pubblico di circa 45 milioni di abbonati distribuiti nei paesi del Medio Oriente e nelle comunità arabe sparse ovunque nel mondo. Nei giorni seguenti all’attacco angloamericano, Google e Lycos, i maggiori motori di ricerca su Internet, affermatosi come mezzo di comunicazione ormai maturo, pienamente funzionale alla febbrile ricerca di informazione e di aggiornamento in una situazione di crisi quale il contesto bellico iracheno, hanno registrato che Al Jazeera è stato il termine più comune ricercato dai navigatori, tre volte più frequente della parola “sesso”. 13 12 R. Hunt, “Television war vs. Television Peace”, Broadcasting & Cable, 14 aprile 2003 13 “al Jazeera Tops Net Search Requests”, Associated Press, 11 aprile 2003 11

Anteprima della Tesi di Francesco Congiu

Anteprima della tesi: Disinformazione di guerra. Il caso Al Jazeera, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesco Congiu Contatta »

Composta da 311 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7265 click dal 04/05/2005.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.