Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Indagine sulla contaminazione da ''Policlorobifenili'' (PCBs) di matrici alimentari

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 4. ASPETTI CHIMICO-FISICI Dal punto di vista chimico-fisico, i PCB sono caratterizzati da un’elevata stabilità dipendente anch’essa dal differente grado di clorazione. In generale il punto di evaporazione e la lipofilia aumentano con il maggior grado di clorazione, la tensione di vapore e la solubilità nell’acqua invece diminuiscono. Le caratteristiche più importanti dei PCB sono: ξ stato liquido a temperatura ambiente, ξ densità:1.1821566 kg/L, ξ bassa solubilità in acqua, alta solubilità in solventi organici, ξ alta temperatura di evaporazione: 170-380 °C, ξ non esplosivo, ξ bassa conduttività elettrica, ξ conducibilità termica molto alta, ξ stabilità elevata: alta resistenza alla degradazione termica e chimica (Fiedler, 2001). 5. TOSSICITÀ Gli effetti tossici dipendono dal grado di clorazione e dal tipo di isomeri; i PCB meta- e para- sostituiti sarebbero maggiormente attivi rispetto agli orto-sostituiti. La natura complessa delle miscele di PCB complica la valutazione del rischio sull’uomo. A tale scopo è stato introdotto da Safe il concetto di TEF (fattore di tossicità equivalente) che esprime il grado di tossicità di ciascun congenere assumendo, come valore di riferimento, la tossicità del 2,3,7,8-tetraclorodibenzodiossina (TCDD). La valutazione del rischio di tossicità da PCB tramite il valore di TEF è possibile in quanto il meccanismo, attraverso il quale PCB e TCDD determinano effetti tossici, è comune; essendo entrambi idrocarburi aromatici alogenati hanno la capacità di legarsi al recettore per gli idrocarburi arilici, una proteina citoplasmatica (AHR) presente nei tessuti e negli organi bersaglio. I valori di TEF per congeneri di PCB diossina-simile proposti dalla World Health Organization (1997), applicabili all’esposizione di PCB su mammiferi calcolati basandosi soprattutto su studi di

Anteprima della Tesi di Mario Santoro

Anteprima della tesi: Indagine sulla contaminazione da ''Policlorobifenili'' (PCBs) di matrici alimentari, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Agraria

Autore: Mario Santoro Contatta »

Composta da 98 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5906 click dal 09/03/2005.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.