Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I prigionieri italiani in Unione Sovietica tra storiografia e fonti d'archivio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Nei capitoli successivi invece si cercherà di dimostrare le seguenti tesi: 1. La conoscenza del governo italiano del limitato numero di prigionieri ARMIR trattenuti in URSS e le ragioni della sua occultazione al Paese. Per dimostrare questa tesi si prenderanno in esame le missive sull’argomento inviate dal vicepresidente della Camera dei deputati Giuseppe Micheli al capo del governo Bonomi e all’Alto commissario per i prigionieri, generale Pietro Gazzera, e se ne verificheranno i riscontri nelle carte diplomatiche e nella pubblicistica. 2. I limiti di intervento della diplomazia italiana a Mosca sui dispersi dell’ARMIR. Gli argomenti che si utilizzeranno per verificare questa ipotesi verranno desunti dal carteggio diplomatico dei tre diplomatici avvicendatisi nel dopoguerra a Mosca e dalle memorie di due di essi. 3. La conoscenza del PCI sulla sorte dei dispersi e la scelta di mantenere il silenzio su di essi. Per dimostrare questo assunto si prenderanno in esame i comportamenti assunti dai dirigenti del PCI in Italia e in URSS a riguardo dei prigionieri dell’ARMIR. 4. L’impossibilità per le Autorità sovietiche di preservare la vita a larga parte dei militari dell’ARMIR arresisi e presi in custodia e la necessità del silenzio sugli 85.000 dispersi. Gli argomenti che verranno utilizzati per queste ultime due tesi sono stati desunti dalle testimonianze dei reduci e dalla storiografia sul tema.

Anteprima della Tesi di Daniel Cherubini

Anteprima della tesi: I prigionieri italiani in Unione Sovietica tra storiografia e fonti d'archivio, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Daniel Cherubini Contatta »

Composta da 240 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4956 click dal 10/03/2005.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.