Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I prigionieri italiani in Unione Sovietica tra storiografia e fonti d'archivio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 Capitolo primo 1.1 L’Operazione Barbarossa. Il patto tra la Germania nazional-socialista e la Russia bolscevica firmato il 23 agosto 1939 dai ministri degli Esteri Joachim von Ribbentrop 1 e Vjačeslav Molotov 2 è considerato in genere dagli storici come chiave di volta della politica espansionistica hitleriana: apre infatti la strada all’invasione della Polonia e allo stesso tempo porta con sé i germi del futuro scontro tra Germania e Unione Sovietica. Il patto prevedeva la non aggressione tra i due Stati, scambi commerciali e un protocollo (segreto) di delimitazioni di zone d’influenza e di spartizioni territoriali. Nei giorni antecedenti la firma dell’accordo, Stalin, nonostante l’URSS fosse stata l’anno prima esclusa dagli accordi di Monaco 3 , aveva tentato nuovamente di uscire dall’isolamento continentale cercando di raggiungere, sul problema di Danzica, un’intesa antitedesca con la stessa Polonia e con Francia e Gran Bretagna. L’ambiguo atteggiamento anglo-francese nelle trattative confermò 1 Joachim von Ribbentrop (1893-1946) iscritto al partito nazista (1932), ambasciatore a Londra (1936), ministro degli Esteri (1938). Processato a Norimberga fu condannato a morte e impiccato (1946). 2 Molotov, pseudonimo di Vjačeslav Michajlovič Skrjabin (1890-1986) Presidente del consiglio dei commissari del popolo (1930-1941), ministro degli Esteri (1939-1949 e 1953-1956). Dopo la morte di Stalin fu il principale esponente del cosiddetto gruppo “antipartito” che si oppose a Chruščëv. Privato di tutte le cariche politiche (1957) fu espulso dal PCUS (1961). 3 Il Patto di Monaco del settembre 1938 tra Germania, Italia, Francia e Inghilterra sancì la cessione alla Germania da parte della Cecoslovacchia (ingiustificatamente esclusa dalle trattative) del territorio dei Sudeti, abitato in prevalenza da cittadini di lingua tedesca.

Anteprima della Tesi di Daniel Cherubini

Anteprima della tesi: I prigionieri italiani in Unione Sovietica tra storiografia e fonti d'archivio, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Daniel Cherubini Contatta »

Composta da 240 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4956 click dal 10/03/2005.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.