Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Relazioni economiche Svizzera-EU: le conseguenze dell'adozione dell'Euro

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Libera circolazione delle merci L’abolizione dei dazi doganali risaliva all’accordo di libero scambio del 1972. L’accordo SEE si preoccupava di favorire ulteriormente la libera circolazione delle merci attraverso l’abolizione delle restrizioni quantitative e delle misure di effetto equivalente. Si regolavano inoltre problemi quali la “Regola d’origine”(il SEE sarebbe stato considerato un unico blocco, con un marchio “di origine SEE”) e si volevano armonizzare gli standard tecnici, le prove e le certificazioni in modo da eliminare il più possibile le barriere tecniche al commercio. Libera circolazione dei servizi All’interno del SEE vige la libertà di stabilimento sia per i servizi commerciali sia per quelli professionali. Si possono dunque svolgere attività bancarie, di assicurazione e d’investimento all’interno del SEE sulla base di una licenza unica e di un controllo al paese d’origine e vi è stata un apertura parallela nel settore delle telecomunicazioni nell’UE e nel SEE. Libera circolazione dei capitali Sono proibiti dall’accordo SEE i controlli sui cambi e altri ostacoli alla libera circolazione dei capitali, salvo alcune deroghe per Islanda e Norvegia nel campo degli investimenti nel settore ittico. Libera circolazione delle persone I cittadini di ogni Stato firmatario dell’accordo hanno diritto di cercare e prendere lavoro in qualsiasi altro Stato firmatario. In collegamento con questa libertà di stabilimento si sono prese misure volte a garantire l’equivalenza e il mutuo riconoscimento delle qualifiche. L’accordo prevede inoltre l’accettazione da parte dei paesi EFTA di una parte rilevante dell’acquis communitaire anche in settori quali la politica di concorrenza, politiche sociali, ricerca e sviluppo, difesa del consumatore e dell’ambiente. Sul piano istituzionale è previsto che delle attività correnti del SEE si occupi una commissione mista di cui fanno parte membri sia dell’UE che dell’EFTA, mentre la responsabilità ultima compete al Consiglio SEE di cui fanno parte ministri di ogni Stato. Il controllo pratico compete da un lato alla Commissione Europea, all’Autorità di Vigilanza EFTA dall’altro. Il controllo giurisdizionale compete alla Corte di Giustizia UE e alla Corte di Giustizia EFTA.

Anteprima della Tesi di Davide Antonio Gandolfi

Anteprima della tesi: Relazioni economiche Svizzera-EU: le conseguenze dell'adozione dell'Euro, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Davide Antonio Gandolfi Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2221 click dal 07/03/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.