Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il piacere della lettura: evocazioni letterarie e vocazione musicale. La narrativa di Alessandro Baricco

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 1. 2. 2 STILE EPISTOLARE Baricco fa spesso ricorso allo stile epistolare che è evidenziato dall’uso del corsivo; ciò avviene con la corrispondenza tra Marius Jobbard e il signor Pekisch 1 , la breve corrispondenza tra il signor Rail e l’ingegnere Bonetti 2 , la corrispondenza tra Penht e Pekisch 3 . A seconda della situazione comunicativa, lo stile si fa più o meno informale, ma le varianti diafasiche vengono sfruttate anche per ottenere fini ironici. Ciò è ben visibile nella corrispondenza tra Penht e Pekisch. Penht, orfano “adottato” da Pekisch e dalla vedova Abegg, vive a Quinnipak fino al giorno in cui si avvera il destino annunciatogli dalla sua tutrice: Questa giacca l’ha lasciata tuo padre. […]Tu crescerai. E succederà così: se un giorno diventerai abbastanza grande da fartela diventare di misura lascerai questa cittadina da niente e andrai a cercare fortuna nella capitale. 4 Penht diventerà un ricco e affermato assicuratore e sarà l’unico abitante di Quinnipak a non subire un destino fatale; si salverà tramite la normalità della quotidianità: Si guardava sempre l’infinito a Quinnipak insieme a te. Ma qui non c’è l’infinito. E così guardiamo le cose, e questo ci basta . 5 Naturalmente Pekisch non ammette un simile stile di vita e così, quando Penht gli invia il Manuale del perfetto assicuratore, fa seguire ad un prolungato silenzio una lettera in cui sostituisce il Tu colloquiale, col quale si rivolgeva a Penht, con una fredda terza persona: […]Vi assicuro che pagine come queste restituiscono la fiducia nella capacità della nostra amata nazione di partorire ineguagliabili scrittori umoristici.[…]Vogliate ricevere ancora le mie più sentite congratulazioni e abbiate la compiacenza di credermi l’infinitamente vostro Pekisch . 6 1 ALESSANDRO BARICCO, Castelli di rabbia, cit., pp. 38-42. 2 Ivi, p. 125 e p. 131. 3 Ivi, pp. 203-208. 4 Ivi, p. 49. 5 Ivi, p. 208. 6 Ivi, pp. 206-207, qui il corsivo è dell’autore.

Anteprima della Tesi di Michela Mosole

Anteprima della tesi: Il piacere della lettura: evocazioni letterarie e vocazione musicale. La narrativa di Alessandro Baricco, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Michela Mosole Contatta »

Composta da 147 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7712 click dal 07/03/2005.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.