Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Memorie d'isola. Abitanti, turisti e confinati a Ponza.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

VI L’apporto di discipline diverse dalla geografia, quali le scienze naturali, l’architettura, l’antropologia, le scienze sociali ed economiche, la letteratura, è stato essenziale per delineare la forma assunta da questo spazio nel divenire territorio: le varie prospettive da cui si può studiare la dimensione spaziale vengono considerate strumenti da utilizzare in modo integrato, al fine di comprendere il territorio nella sua complessità, facendo emergere tutte le forze che lo hanno modellato. In particolare, l’affondo storico, cui è ascrivibile la ricerca d’archivio in merito al confino e ai confinati d’epoca fascista, è funzionale alla ricerca di un’eredità memoriale che si è sedimentata e stratificata, portando all’organizzazione odierna dello spazio. Una ‘storia per la geografia’, che trascende l’utilizzo di metodi e finalità propri della ricerca storiografica. L’interesse è qui relativo al processo di territorializzazione, di regionalizzazione di Ponza: esso si è realizzato con determinati esiti, attraverso modalità sue proprie, anche perché attraversato dalla sua storia. La ricerca disegna un percorso che, partendo dalla territorialità fisica dell’isola, fortemente marcata dal rapporto con il mare, limite e veicolo al tempo stesso, conduce alle geografie private, passando attraverso l’analisi delle espressioni fisiche, culturali, sociali ed economiche del rapporto uomo-ambiente. La tesi si sviluppa in quattro capitoli nei quali si tratteggia l’ambiente geografico di Ponza, ovvero le qualità geofisiche dell’isola: la collocazione, la morfologia, il clima, la copertura vegetale. Analizzate le principali tappe della presenza umana sull’isola, si descrive il risultato dell’interazione fra l’uomo e l’ambiente che abita. Segni visibili di tale rapporto sono presenti nel paesaggio agrario, come nei manufatti; meno visibile, ma imprescindibile, è la relazione dell’isolano con il mare, umanizzato, tanto da diventare a tutti gli effetti paesaggio, quanto i campi coltivati o l’architettura meditarranea. Nel terzo capitolo ci si occupa

Anteprima della Tesi di Chiara Poeta

Anteprima della tesi: Memorie d'isola. Abitanti, turisti e confinati a Ponza., Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Chiara Poeta Contatta »

Composta da 291 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1484 click dal 12/05/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.