Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Afghanistan dopo la caduta dei Talebani

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 L’operazione “Enduring Freedom” si presenta con degli obiettivi chiari, e viene divisa in quattro fasi distinte: la prima consiste in una “Pianificazione e schieramento delle forze nell’area di responsabilità USCENTCOM”;con la seconda si dà inizio ad una “campagna aerea in Afghanistan contro obiettivi di interesse, attività umanitarie, supporto all’Alleanza del Nord e capitolazione del regime dei Talebani”; si passa alla terza fase, che prevede “impiego di unità di terra, dichiarazione di ‘cessate il fuoco’ e avvio della pacificazione e stabilizzazione del Paese, con eventuale passaggio delle responsabilità all’ONU”; infine la quarta fase: “ definizione, d’intesa con gli altri Paesi della coalizione, degli strumenti necessari a prevenire il riemergere del terrorismo nonché a supportare le operazioni umanitarie” 1 . Per la prima volta vengono riconosciuti i presupposti per l’applicazione dell’art. 5 2 dell’Alleanza Atlantica 3 , ma, per il forte effetto emotivo scatenato dagli attentati, alla coalizione prenderanno parte anche molti paesi non facenti parte della NATO. I Talebani, inizialmente, non sembrano prendere troppo sul serio la minaccia americana e, il 27 Settembre, dichiarano che Bin Laden è stato invitato dal regime ad allontanarsi dal Paese, per smentirsi da soli appena tre giorni dopo quando l’ambasciatore dei Talebani a Islamabad, il mullah Abdul Salam Zaeef, affermerà che Bin Laden è stato portato in una località segreta al fine di proteggerne l’incolumità 4 . Nel frattempo, Bin Laden, attraverso un 1 Gioia Marotta, “Missione Nibbio in Afghanistan”, Rivista di Diritto Internazionale, numero 2/2003, pagg. 449-450; articolo anche contenuto in in Servizio Studi della Camera dei Deputati, “Afghanistan”, pagg. 57-58, Camera dei Deputati, 15 Marzo 2004 2 Articolo che recita: “Le parti convengono che un attacco armato contro una o più di esse in Europa o nell'America settentrionale sarà considerato come un attacco diretto contro tutte le parti, e di conseguenza convengono che se un tale attacco si producesse, ciascuna di esse, nell'esercizio del diritto di legittima difesa, individuale o collettiva, riconosciuto dall'art. 51 dello Statuto delle Nazioni Unite, assisterà la parte o le parti così attaccate intraprendendo immediatamente, individualmente e di concerto con le altre parti, l'azione che giudicherà necessaria, ivi compreso l'uso della forza armata, per ristabilire e mantenere la sicurezza nella regione dell'Atlantico settentrionale. Ogni attacco armato di questo genere e tutte le misure prese in conseguenza di esso saranno immediatamente portate a conoscenza del Consiglio di Sicurezza. Queste misure termineranno allorché il Consiglio di Sicurezza avrà preso le misure necessarie per ristabilire e mantenere la pace e la sicurezza internazionali.” 3 Senza Autore, “Missione Enduring Freedom”, in Servizio Studi della Camera dei Deputati, “Afghanistan”, pag. 7 ,Camera dei Deputati, 15 Marzo 2004 4 Gioia Marotta, “Missione Nibbio in Afghanistan”, Rivista di Diritto Internazionale, numero 2/2003, pag. 452; articolo anche contenuto in in Servizio Studi della Camera dei Deputati, “Afghanistan”, pag. 60, Camera dei Deputati, 15 Marzo 2004

Anteprima della Tesi di Stefano Severi

Anteprima della tesi: L'Afghanistan dopo la caduta dei Talebani, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Stefano Severi Contatta »

Composta da 243 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9065 click dal 07/03/2005.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.