Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategia d'impresa e analisi di settore: il caso Michele Chiarlo S.r.l.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 relazioni dinamiche intense per via di combinazioni economiche simili e per l’operare sugli stessi mercati”. Il riferimento alle relazioni di interdipendenza (che possono essere di tipo concorrenziale o di altro tipo) e alle relazioni dinamiche tra aziende mette in rilievo come il settore non sia uno spazio immutabile e statico ma, al contrario, sia frutto di continui mutamenti. A questo punto diventa più importante l’analisi delle tendenze del settore piuttosto che conoscerne, in un dato istante, la sua struttura come in una fotografia: questa non diviene inutile, ma l’obiettivo che ci si dovrebbe porre è analizzare la struttura alla luce delle tendenze in atto nel settore. Una terza definizione di settore lo individua come il luogo economico dove si svolge il confronto competitivo, che può essere effettivo o potenziale 6 . Questo nuovo concetto di settore rafforza il carattere dinamico della struttura, obbligando a definirlo attraverso uno sforzo di previsione sul modo in cui evolverà la concorrenza. Partendo da questo assunto, per arrivare alla definizione dei confini settoriali, si dovrà far riferimento ad una serie di fattori di omogeneità che siano in grado di operare una discriminazione tra imprese apparentemente assimilabili, per esempio si possono prendere in considerazione le seguenti omogeneità di: - bisogni soddisfatti; - base tecnologica; - materiali utilizzati; - tipo di struttura commerciale. Quest’ultimo concetto di settore sembra più idoneo ad essere utilizzato per l’analisi, soprattutto perché pone l’accento sulla mobilità temporale dei confini settoriali, fornendo un utile strumento per l’individuazione dei confini settoriali. 6 G. VOLPATO, Concorrenza, impresa, strategie, Il Mulino, Bologna, 1986.

Anteprima della Tesi di Stefano Russo

Anteprima della tesi: Strategia d'impresa e analisi di settore: il caso Michele Chiarlo S.r.l., Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Stefano Russo Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16964 click dal 08/03/2005.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.