Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Project finance nei paesi in via di sviluppo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione X d’investimento assunti dall’IFC per proprio conto sono suddivisi nelle seguenti modalità: 3,4 miliardi di dollari per contratti di prestito, 787 milioni di dollari per gli investimenti in equity, 339 milioni di dollari per gli investimenti in quasi-equity, 171 milioni di dollari per prodotti di finanza strutturata (comprese le guarentees) e 60 milioni di dollari per prodotti di risk management. In aggiunta, l’IFC ha mobilizzato circa 880 milioni di dollari in prestiti sindacati, cosiddetti “B-loan”. In riferimento alle aree geografiche, tre sono le zone verso le quali restano concentrati gli impegni d’investimento: Europa e Asia centrale (35%), America Latina e Caraibi (28%) e Asia Orientale e regioni del Pacifico (13%). Per quanto riguarda i settori, emerge che il 27,4% degli impegni si indirizza verso il settore finanziario e assicurativo, mentre il 10% è investito nel settore delle utilities. Il lavoro propone in seguito un analisi dei prodotti offerti dall’International Finance Corporation, distinti in quattro principali categorie: 1. investimenti in capitale di rischio (azioni ordinarie, azioni privilegiate, obbligazioni, prestiti convertibili); 2. prestiti a lungo termine; 3. strumenti di gestione del rischio finanziario; 4. mobilitazione di risorse esterne (sindacati di prestito, organizzazione e sottoscrizione di emissioni di titoli). Inoltre, si sottolinea che le politiche operative dell’IFC stabiliscono un limite all’impegno finanziario massimo, che, per i nuovi progetti, non può essere superiore al 25% del totale del costo del progetto, o, per progetti di piccole dimensioni, salire fino al 35%; per progetti d’espansione, invece, l’IFC, può provvedere ad una quota superiore al 50% del costo del progetto, purché non superi il 25% del totale della capitalizzazione della project company. L’IFC, al fine di convogliare maggiori finanziamenti verso i paesi in via di sviluppo e per estendere l’accesso al credito ad un numero sempre più rilevante di società, si avvale dell’aiuto di intermediari finanziari: in modo particolare, le società di leasing svolgono un ruolo fondamentale nello sviluppo del settore finanziario nei paesi con economie poco evolute o con basso reddito pro capite. Il leasing emerge come uno

Anteprima della Tesi di Francesca Bonardi

Anteprima della tesi: Il Project finance nei paesi in via di sviluppo, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Francesca Bonardi Contatta »

Composta da 204 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3074 click dal 08/03/2005.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.