Skip to content

Quando i media staccano la spina. Storia del blackout informativo durante gli ''anni di piombo''

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il rapporto tra media e terrorismo 9 successo di un’operazione terroristica dipende quasi interamente dalla quantità di pubblicità che riceve. Questa è una delle ragioni principali per il passaggio dalla guerriglia rurale al terrorismo urbano avvenuto negli anni Sessanta; perché nelle città i terroristi potevano sempre contare sulla presenza di giornalisti e telecamere, e cioè su un largo pubblico. […] Così in ultima analisi non è la dimensione delle operazioni terroristiche che conta, ma la pubblicità che ne viene fatta; e ciò vale non solo per singole operazioni ma anche per intere campagne. I mezzi di comunicazione con la loro innata tendenza al sensazionalismo hanno spesso ingrandito gli exploit dei terroristi molto al di là della loro intrinseca importanza. Gruppi terroristi che contavano forse una dozzina di membri sono stati descritti come “eserciti”, i loro “comunicati ufficiali” sono stati argomento di innumerevoli trasmissioni televisive, programmi radio, articoli ed editoriali. In rari casi è stata data una grande pubblicità perfino a gruppi del tutto inesistenti. I gruppi terroristi moderni hanno tutti bisogno di pubblicità: più piccoli sono, più ne dipendono e ciò ha condizionato in larga misura la scelta dei loro obiettivi. Perfino un attentato apparentemente illogico e senza senso diventa più efficace con una larga copertura da parte dei mass-media che non un’operazione contro un obiettivo che sembri ovvio” 6 . Lo conferma Alberto Franceschini, uno dei protagonisti della lotta armata. Ad intervistarlo, nel 1989, fu Sergio Zavoli, nell’ambito dell’inchiesta giornalistica televisiva sull’intero periodo degli “anni di piombo”, denominata, come dicevamo, La notte della Repubblica. Ne riportiamo qui di seguito alcuni stralci: “Franceschini, è vero che alcune piccole azioni furono fatte all’inizio per verificare ciò che provocavano? In un certo senso sì, c’era un aspetto sperimentale: quello di capire la reazione dei mass media. Perché per noi i giornali sono stati importanti come punto di riferimento. Mi sta forse dicendo che, poniamo, lei stesso va a compiere un’azione per leggere all’indomani i giornali e vedere quali reazioni ha provocato? Sì, non era un aspetto puramente individuale; riguardava l’utilizzo dei mass media in generale, e lo avevamo chiaro sin dall’inizio. Da questo punto di vista, qual è stato il ruolo oggettivo dei mass media in rapporto all’escalation terroristica? Credo che di per sé l’azione terroristica sia una notizia già confezionata. Quando correvate a vedere i tele giornali dopo le vostre azioni, o la mattina vi mettevate ad ascoltare la radio o a leggere i quotidiani, non contavate anche sul fatto che in un paese democratico la stampa non è reticente, ma al contrario va a cercare i fatti, li indaga, non li censura? Certo, questo era il punto fondamentale per noi; sapevamo che in un paese democratico i mass media devono dare l’informazione […] però sapevamo anche che l’avrebbero data in un certo modo: cioè, se non c’era la censura, c’era però quella che noi chiamavamo la manipolazione. Sapevamo che l’uso che i mass media avrebbero fatto delle nostre cose sarebbe stato certamente diverso da quello che noi avevamo preventivato… …l’uso che i mass media avrebbero fatto delle cose o l’uso che altri poteri avrebbero fatto dei mass media in rapporto a queste cose? Sì, probabilmente è più corretto dire come lei ha detto: l’uso che altri poteri ne avrebbero fatto, tramite i mass media” 7 . Interessante, nel descrivere i caratteri inconfondibilmente “mediatici” che il fenomeno terroristico volle avere sin dai suoi albori, è poi osservare quali siano stati gli strumenti utilizzati per accaparrarsi l’attenzione dei media e quali gli obiettivi colpiti. In merito al primo aspetto, ciò che emerge evidente dall’azione eversiva, specie delle Br, è il ricorso sistematico alla valenza comunicativa della “violenza”, accostato ad una propaganda ideologica che si estrinseca, 6 W. Laqueur, Storia del terrorismo, Rizzoli, Milano, 1978, pp. 145-146. 7 S. Zavoli, La notte della repubblica, Nuova Eri, Roma, 1995, pp. 405-411.
Anteprima della tesi: Quando i media staccano la spina. Storia del blackout informativo durante gli ''anni di piombo'', Pagina 4

Preview dalla tesi:

Quando i media staccano la spina. Storia del blackout informativo durante gli ''anni di piombo''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gilberto Mastromatteo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Paola Magnarelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 282

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aldo moro
blackout
brigate rosse
bruno labate
carlo casalegno
censura
comunicazione
ettore amerio
eversione
giornalismo
giovanni d'urso
idalgo macchiarini
informazione
lotta armata
mario scialoja
mario sossi
marshall mcluhan
michele mincuzzi
p2
terrorismo
walter tobagi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi