Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Totalitarismo: un dibattito aperto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 discorso del 28 Febbraio 1926 all’Istituto di Cultura a Firenze, espresse il suo pensiero come segue: «Se gli avversari ci dicono che siamo totalitari, che siamo domenicani, che siamo intransigenti, che siamo tirannici, non vi spaventate di questi aggettivi. Prendeteli con onore e con orgoglio […]. Si, siamo totalitari! Vogliamo essere tali, dal mattino alla sera, […] vogliamo essere domenicani […] vogliamo essere tirannici». Da questo momento in poi, l’apologetica di Stato cerca di strappare il monopolio dell’aggettivo e del sostantivo all’opposizione e s’impegna a conferire ai due nuovi termini una propria dignità teorica. Giovanni Gentile intende elaborare il profilo filosofico del regime, suggellando al contempo il passaggio dalla fase “eroica e movimentista” a quella “statalista” del fascismo. Con la pubblicazione del 1928, per Foreign Affairs, di «The Philosophical Basis of Fascism», e successivamente con la stesura della voce Fascismo redatta per l’Enciclopedia Italiana,

Anteprima della Tesi di Massimiliano Fiorillo

Anteprima della tesi: Totalitarismo: un dibattito aperto, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Massimiliano Fiorillo Contatta »

Composta da 386 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5474 click dal 10/03/2005.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.