Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'egemonia del sogno-l'importanza del mondo onirico nell'immaginario individuale e collettivo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 L’esistenza di questa seconda attività della mente, oltre a quella diurna, ha infatti costituito per l’umanità un problema che, nelle sue varie elaborazioni magico-religiose, filosofiche, psicologiche, ha contribuito in modo determinante a suscitare nell’uomo fondamentali interrogativi sulla natura della propria esistenza. Forse proprio a causa dei suoi contenuti, di difficile definizione, e del suo linguaggio ambiguo, all’interno della storia del pensiero occidentale il sogno ha occupato da sempre ruoli contrastanti. Se oggi infatti, sulla scorta della psicanalisi e di altre tendenze della psicologia, si tende ad attribuire al sogno, in qualche modo, una funzione di “preservazione della mente”, non bisogna dimenticare che c’è tutta una tradizione, scientifica e filosofica (e particolarmente all’interno della filosofia francese) di svalutazione ontologica dell’immagine. Questa tradizione ha teso a mettere in guardia dall’immaginazione, sia diurna che notturna, definita spesso come "maestra di errore e falsità"; la funzione psicologica dell’immaginazione, in questi filoni di pensiero, è piuttosto negativa, fonte di confusione ed errori, e viene contrapposta alla chiarezza e alla precisione dell’attività razionale. Il vasto movimento d’idee che da Socrate, attraverso agostinismo, scolastica, cartesianesimo e secolo dei lumi, sbocca nella riflessione di Brunschvicg e di Lévy-Bruhl, ha avuto la conseguenza di "mettere in quarantena" tutto ciò che esso considera come vacanza della ragione. Per Brunschvicg ogni immaginazione – anche quella platonica! – è "peccato contro lo spirito".

Anteprima della Tesi di Chiara Amendola

Anteprima della tesi: L'egemonia del sogno-l'importanza del mondo onirico nell'immaginario individuale e collettivo, Pagina 2

Diploma di Laurea

Facoltà: Comunicazione multimediale

Autore: Chiara Amendola Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16290 click dal 09/03/2005.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.