Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Commissione preparatoria della Corte penale internazionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 diritto internazionale di esaminare la questione dell’istituzione di una Corte criminale internazionale. Poco dopo, l’esasperarsi della guerra nella ex-Jugoslavia, con le terribili atrocità che la stavano segnando, portava il Consiglio di sicurezza ad istituire, mediante la risoluzione 827 del 25 maggio 1993, adottata ai sensi del Capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite, un apposito Tribunale internazionale ad hoc, per i crimini commessi su quei territori, dopo il 1 gennaio 1991. Di particolare interesse è la competenza ratione materiae del Tribunale. Vi rientrano, innanzitutto, le violazioni della Convenzione di Ginevra del 1949, le violazioni alle leggi e alle consuetudini di guerra, il genocidio e i crimini contro l’umanità. Ad un anno e mezzo di distanza, il Consiglio di sicurezza approvava la risoluzione 1168 dell’8 novembre 1994 con la quale istituiva un analogo Tribunale sul Ruanda per giudicare sulle efferatezze commesse su quel territorio, caratterizzate da atti sistematici di genocidio. Contemporaneamente, l’Assemblea generale istituiva un Comitato preparatorio con il compito di esaminare le principali questioni sollevate dal progetto di Statuto per una Corte penale internazionale, predisposto dalla Commissione di diritto internazionale nel 1994. Il Comitato preparatorio si è riunito sei volte, dal marzo 1996 all’aprile 1998. La Conferenza per l’istituzione di una Corte penale internazionale si è svolta a Roma, dal 15 giugno al 17 luglio del 1998. Vi hanno partecipato i rappresentanti di 161 Stati e, in qualità di osservatori, 30 organizzazioni intergovernative e 137 organizzazioni non governative. Le cinque settimane di lavoro sono state difficili ed intense, ma si sono svolte in un clima di cooperazione e con l’obiettivo di concludere positivamente la Conferenza. Il merito va attribuito ad un gruppo di Stati, i cosiddetti like minded, che hanno fortemente sostenuto l’adozione dello Statuto riuscendo ad orientare alcuni blocchi regionali sulle proprie posizioni. Inoltre, il ruolo non trascurabile avuto dalle organizzazioni non governative e la direzione determinata ed efficace dei

Anteprima della Tesi di Daniele Panfilo

Anteprima della tesi: La Commissione preparatoria della Corte penale internazionale, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Daniele Panfilo Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2708 click dal 09/03/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.