Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo Status di Rifugiato nell'Unione Europea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 INTRODUZIONE Secondo le statistiche pubblicate dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, alla fine nel 2003 nel mondo, 17.093.361 sono state le persone costrette a fuggire dalle proprie case per sottrarsi ad un pericolo di morte, tortura o trattamento disumano, per fuggire dalla guerra o comunque perché, per cause legate alla loro storia personale o alla situazione nel loro paese, era per loro impossibile rimanere 1 . 331.663 sono coloro che, sempre secondo i dati dell’UNHCR, entro la fine del 2003 si sono presentati alle autorità degli stati membri dell’Unione Europea per chiedere protezione internazionale, sottoforma dello status di rifugiato previsto dalla Convenzione di Ginevra del 1951 2 . Il fenomeno degli esodi e degli esili forzati non è certamente nuovo: da sempre nel mondo vi sono state singole persone o interi popoli costretti a fuggire da persecuzioni inflitte loro per varie ragioni, ad esempio, la professione di una diversa religione, l’appartenenza ad una diversa razza, o per l’espressione di un pensiero politico in contrasto con i governanti del momento. La questione dei rifugiati odierna si distingue, però, da quanto accadeva in passato, per almeno due importanti elementi, strettamente collegati alla dimensione internazionale che è entrata in tutti gli aspetti della vita del mondo moderno e che influenza le azioni degli stati come quelle dei singoli individui. Il primo elemento è l’esistenza del diritto internazionale, in particolare di quello umanitario e di quello dei diritti umani, che riconosce a tutti ed individualmente una serie di diritti civile e politici, ed economico-sociali che gli stati sono tenuti a garantire a ciascuno, indipendentemente dalla cittadinanza o dalla provenienza 3 . 1 UNHCR, 2003 Global Refugee Trends, Overview of refugee populations, new arrivals, durable solutions, asylum seekers and other persons of concern to UNHCR, population data unit/PDGS, division of operational support, www.unhcr.ch/statistics, 15 Giugno 2004, nel numero sono compresi i richiedenti asilo, i rifugiati e le alter persone di interesse per UNHCR, ad esempio gli sfollati interni, vedere oltre. 2 UNHCR, Asylum Levels and Trends in Industrialised Countries, January to June 2004, Comparative Overview Of Asylum Applications Submitted In 25 European And 5 Non-European Countries, population data unit/PDGS, division of operational support, www.unhcr.ch/statistics, 27 Agosto 2004, nel numero sono compresi solo i richiedenti asilo, con riferimento a 14 “vecchi” stati membri (l’Italia è esclusa per mancanza di dati disponibili) ed a 6 dei nuovi stati membri (Cipro, Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia e Slovenia) 3 Come è affermato all’articolo 2 del Patto internazionale sui diritti civili e politici, 1966, e all’articolo 2 del Patto Internazionale sui diritti economici,sociali e culturali, 1966.

Anteprima della Tesi di Claudia Bonamini

Anteprima della tesi: Lo Status di Rifugiato nell'Unione Europea, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Claudia Bonamini Contatta »

Composta da 244 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7225 click dal 09/03/2005.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.