Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi di una comunità virtuale: il caso Extremelot

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 Ultimamente si sono addirittura adottati sistemi di mailing list interna per determinate categorie d’utenti. Inoltre, nelle Chat è usuale cambiare nick spesso. Quando non si desidera parlare con qualche utente basta uscire, cambiare nick e rientrare; lo stesso sistema è adottato per verificare la “fedeltà” degli amici o dell’innamorato di turno. In una comunità virtuale, dove il personaggio progredisce e aumenta di grado col passare del tempo, tutto questo diviene più difficile. Cambiare personaggio è una mossa sofferta per due motivi: primo, l’inserimento è molto difficoltoso; secondo, serve molto tempo prima di riuscire a tornare al livello precedente. Per questo i messaggi che trovano più risposta nelle bacheche (ovvero le newsletter interne alla comunità virtuale) sono quelli “d’addio”: dimostrano la sofferenza dell’utente nel lasciare il suo personaggio, mentre altri rispondono facendo leva sui sentimenti d’amicizia, complicità, affetto, in una vera e propria dichiarazione del grado di popolarità che il personaggio è riuscito a raggiungere fino allora. Il livello delle persone in una Chat è omogeneo, la massima gerarchia presente è quella sui canali IRC : proprietario 19 , operatore 20 e utente. In una comunità virtuale vi sono gerarchie molto complicate, soprattutto sono estremamente rigide. La struttura è piramidale, con infiniti gradini, e prima di raggiungere il livello minimo di popolarità devono passare centinaia d’ore di gioco. Ovviamente questo provoca difficoltà d’inserimento, ma l’aspetto più curioso sono le dinamiche servili che s’instaurano tra coloro che aspirano ad una carica e coloro che, avendola già raggiunta, si possono addirittura permettere di non rispondere senza che il loro grado di popolarità venga minimamente scalfito. 19 proprietario di canale è colui che l’ha istituito e lo controlla anche attraverso i Bot, cioè speciali software che ne fanno le veci quando non è collegato e che permettono all’utente di mantenere il suo privilegio. 20 ovvero colui al quale il proprietario ha dato poteri di ban e kick.

Anteprima della Tesi di Claudia Ambrosini

Anteprima della tesi: Analisi di una comunità virtuale: il caso Extremelot, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Claudia Ambrosini Contatta »

Composta da 214 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8823 click dal 10/03/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.