Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi di una comunità virtuale: il caso Extremelot

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

19 giocatori volenterosi lasciano nelle bacheche che riguardano le vicende d’arme, e nei siti che raccontano la storia della comunità. Per questo una comunità virtuale è tanto più viva quanto più crescono i siti che ad essa sono legati: ciascun gruppo si impegna a scrivere e custodire brandelli di quella storia comunitaria che altrimenti andrebbe perduta per sempre. Gli ostacoli di un MUD d’avventura sono in massima parte fissati a priori dal programmatore e ciascun giocatore per avanzare di livello deve superarli; gli ostacoli in una comunità virtuale sono il frutto di una fantasia sociale in continua evoluzione: qualsiasi giocatore può inventarsi e quindi creare a parole un drago, ma solo se questo sarà realistico, verrà combattuto. Il MUD d’avventura quindi basa i suoi rapporti sulla collaborazione, sull’esperienza precedente, sulla forza del gruppo e sull’intelligenza nell’escogitare nuove vie. La forza della comunità virtuale è, al contrario, la verosimiglianza, e l’adeguarsi a questo principio è il primo passo che ogni nuovo utente deve fare per essere riconosciuto come personaggio. Pure i meccanismi di avanzamento sono differenti: nel MUD d’avventura le abilità, il carisma, dipendono sì dal tempo trascorso nel gioco (come nella comunità virtuale), ma soprattutto dal numero di ostacoli superati, dal numero di parole-codice carpite; nella comunità virtuale ciò che rende carismatico un personaggio è la sua presenza attiva e costante, la sua abilità nel compiere azioni verosimili, e di caratterizzarsi fortemente, pur nel rispetto totale delle regole. Salire la scala gerarchica in un MUD d’avventura equivale al superamento di diversi livelli, all’acquisizione di determinate magie o poteri, indipendentemente dal numero di conoscenze e dai rapporti creati con gli altri giocatori; la comunità virtuale invece adotta meccanismi di riconoscimento pubblico, e l’ascesa è possibile solo qualora meccanismi sociali atti allo scopo decidano che è venuto il momento di elargire il nuovo status. Non è tuttavia così chiaro in tutte le comunità virtuali quali siano i meccanismi d’avanzamento. In MediaEvi, ad esempio, convivono entrambe le forme del MUD d’avventura e della comunità virtuale: per entrare in una gerarchia, i meccanismi sono quelli propri di tutte le comunità, mentre mensilmente

Anteprima della Tesi di Claudia Ambrosini

Anteprima della tesi: Analisi di una comunità virtuale: il caso Extremelot, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Claudia Ambrosini Contatta »

Composta da 214 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8823 click dal 10/03/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.