Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi di una comunità virtuale: il caso Extremelot

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 permettono ai giocatori di comunicare tra loro (cosa inimmaginabile per quell’epoca) e di creare un ambiente sociale. IRC, ovvero Internet Relay Chat è, sempre seguendo Roversi, <> 5 . L’architettura ambientale è rappresentata da <> 6 , inviati sia a gruppi che a singoli. Si entra così in <> 7 . IRC, inventata dallo studente finlandese Jarkko Oikarinen nel 1988, si basa sulla connessione ad un IRCServer dal quale si diramano infiniti channels. L’utente può decidere di entrare in quelli già costruiti, oppure di crearne uno secondo le sue esigenze, aspettando che qualcuno passi a visitare. Ogni canale corrisponde ad una finestra, pertanto è possibile discorrere in più stanze contemporaneamente, oppure dedicarsi alla semplice osservazione e lettura di ciò che avviene. Il modello IRC è quello su cui si basano quasi tutte le Chat su Internet. Non bisogna dimenticare però che mIRC è il software che permette l’accesso ai server IRC, mentre non è necessario avere un particolare software per collegarsi ad una qualsiasi Chat sul web. Infatti, quasi tutti i portali più conosciuti mettono a disposizione Chat – di solito programmate con Javascript – in cui basta registrarsi su moduli, simili a quelli usati per aprire una casella email, per avere password e nickname fisso. Il fine di questo servizio dei portali è affiliare gli utenti, creare abitudine affinché nei momenti di pausa – mentre si aspetta un amico o ci si distrae da una conversazione poco interessante – l’utente navighi ancora nel portale. Dal punto di vista linguistico, la comunicazione attraverso una Chat è qualcosa di più che del semplice testo: l’assoluta mancanza di comunicazione non verbale e di feedback sensoriali che permettano di comprendere come vengano recepiti i messaggi, ha portato gli utilizzatori del web a coniare nuove forme 5 A. Roversi, Chat line, Il Mulino, Bologna 2001, p. 45. 6 Ibidem, p.46. 7 Ibidem,p.46.

Anteprima della Tesi di Claudia Ambrosini

Anteprima della tesi: Analisi di una comunità virtuale: il caso Extremelot, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Claudia Ambrosini Contatta »

Composta da 214 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8823 click dal 10/03/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.