Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Policy Transfer e Politiche del Mercato del Lavoro in Italia e in Russia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7concertativo, e di quelle transnazionali, particolarmente influenti in Italia in tema di politica del MDL, viene analizzata la “Legge Biagi” (L.30/2003 di riforma del MDL) alla luce del modello del policy transfer. E’ stato in tal senso necessario individuare le soluzioni di politica del MDL di matrice transnazionale adottate dal legislatore italiano, prima di trarre le dovute conclusioni. L’interesse verso il caso italiano è motivato dalla constatazione di una notevole ripresa economica del paese a partire dalla sottoscrizione del trattato di Maastricht, il che potrebbe far pensare ad un vero e proprio “salvataggio” operato dall’Europa a gloria del nostro paese. In realtà:- “L’aggancio all’Europa è stato il frutto di un consapevole progetto ideale e politico di matrice interna, che ha visto impegnati per anni ampi settori della classe dirigente del paese e che ha richiesto un faticoso gioco a due livelli: quello domestico e quello comunitario” (Gualmini&Ferrera,1999). Nel terzo capitolo sono considerate le politiche russe del MDL alla luce del modello del policy transfer. L'interesse verso il caso russo nasce dalla considerazione di un Paese che a partire dal 1991 ha radicalmente modificato la sua struttura politica, lasciandosi alle spalle 70 anni di regime comunista, aprendosi al modello economico capitalista e a una gestione liberal- democratica del paese. Interesse suscita anche il fatto che fino al dicembre 2001 in Russia non sia stata implementata una reale politica di riforma del mercato del lavoro, che per un decennio si è sostanzialmente autoregolamentato, a differenza di quanto accaduto in altri paesi dell'ex blocco sovietico. Viene tralasciata una pur interessante ricostruzione del MDL e delle politiche ad esso correlate nel periodo sovietico, dedicandovi solo brevi accenni e delimitando piuttosto il principale “focus di attenzione” al periodo della transizione russa, a partire appunto dall'anno 1991. Vengono poi presentati gli attori transnazionali maggiormente influenti in Russia, insieme alle loro raccomandazioni e progetti, rivolti esplicitamente alla nazione, in tema di politica del MDL. Viene inoltre analizzata la L.197-fz/2001 di riforma del Codice del Lavoro, al fine di scorgere in essa sia “aperture” alle soluzioni di politica del MDL di matrice transnazionale, sia “chiusure”, determinate dal ruolo di agenti di attrito al policy transfer svolto da particolari forze politiche nazionali. In questo capitolo viene infine applicato il modello del policy transfer network di Evans&Davies.

Anteprima della Tesi di Nicola Trinchini

Anteprima della tesi: Policy Transfer e Politiche del Mercato del Lavoro in Italia e in Russia, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Nicola Trinchini Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2232 click dal 14/03/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.