Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La fiaba autoriflessiva: il cinema di Tim Burton

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 immediatamente e senza sforzo. È per questa ragione, probabilmente, che sono quasi sempre tanto poco credibili le “sequenze di sogno” che figurano nei film narrativi” 13 . Per risolvere il problema molti cineasti hanno scelto di “ricorrere a stilizzazioni scenografiche di matrice espressionista o surrealista” 14 e di saturare le sequenze oniriche con i più svariati effetti ottici (distorsioni prospettiche, flou, filtri, mascherini, sovrimpressioni) col risultato che viene a mancare una delle proprietà costitutive dell’esperienza onirica, l’impressione di realtà (o illusione di realtà, come la chiama Metz). Burton, per la resa iconica del suo sogno, sceglie delle soluzioni visive non troppo marcate o artificiose: le immagini che noi vediamo all’inizio non hanno quell’impatto tipico di altre sequenze oniriche, lo spettatore rimane affascinato dalla vivacità dei colori e dalla sapienza con cui la mdp si muove nello spazio diegetico, ma non riconduce immediatamente ciò che vede ad un sogno (almeno ad un primo sguardo), casomai ad una più generale atmosfera giocosa ed infantile che sarà tipica del resto del film. La sequenza onirica è marcata a posteriori e Burton sfrutta dapprima un espediente sonoro; dall’inquadratura 15 lo squillo insistente di una sveglia irrompe nella diegesi interrompendo la premiazione di Pee-Wee e facendo fuggire tutti coloro che si trovano intorno a lui. Lo stesso spettatore è disorientato, da dove proviene il suono? Quello che sentiamo ha tutta l’aria di essere un suono extradiegetico, perché non ha alcun tipo di legame con le immagini e con la situazione rappresentata, eppure i personaggi (tranne Pee-Wee) hanno mostrato di udirlo perfettamente e di percepire qualcosa di minaccioso che li ha fatti fuggire. Questo espediente stimola lo spettatore ad esercitare le sue capacità predittive e nello stesso tempo genera un’attesa che culmina nella 13 Ivi, p. 112 14 Alberto Boschi, “I wake up screaming: la messa in scena del sogno nel noir”, Cinema & Cinema, n. 61, maggio-agosto, 1991, p. 52

Anteprima della Tesi di Valentina D'amico

Anteprima della tesi: La fiaba autoriflessiva: il cinema di Tim Burton, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Valentina D'amico Contatta »

Composta da 341 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15120 click dal 10/03/2005.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.