Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La fiaba autoriflessiva: il cinema di Tim Burton

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 1.2 Pee-Wee’s Big Adventure Pee-Wee’s Big Adventure (1985) è il primo lungometraggio diretto da Tim Burton, il quale viene scelto per dirigere il film dai funzionari della casa di produzione (la Warner) e dall’attore protagonista Paul Reubens grazie ai due cortometraggi (Vincent e Frankenweenie) realizzati quando Burton lavorava alla Disney come disegnatore. Nonostante l’opera manchi degli elementi autobiografici che caratterizzeranno la sua produzione successiva, Burton riesce a mostrare già in questo primo lavoro uno stile registico personale e visionario infarcendo il film di elementi autoriflessivi, citazioni ed omaggi e trasformando una sceneggiatura per bambini in un’originalissima slapstick comedy. Il film, privo di una vera trama, anticipa una delle caratteristiche costanti della cinematografia burtoniana: l’estrema cura dell’aspetto visivo e scenografico, che è un elemento dominante, non è accompagnata quasi mai da una struttura narrativa forte e lo stesso regista, in molte interviste, sottolinea come la critica americana gli rimproveri costantemente il fatto di non saper raccontare una storia. La ricchezza del cinema burtoniano, dunque, deve essere cercata altrove. Pee- Wee’s Big Adventure “non racconta nulla, raccontando magnificamente” 7 , il film altro non è che una folle sarabanda di peripezie che coinvolgono il protagonista, Pee-Wee Herman, un incrocio tra Harry Langdon, Buster Keaton (dotato in più, però, di una risatina acuta ed infantile) ed uno Charlot in un continuo incontro/scontro con gli oggetti e le macchine domestiche che lo circondano. La ricerca della bicicletta rubata da un ricco prepotente è la molla, il Mac Guffin per dirla alla Hitchcock, che fa scattare la lunga serie di gag e di avventure che animano la narrazione, trasformando la commedia iniziale in un road movie, il 7 Massimiliano Spanu, Tim Burton, Milano, Il Castoro Cinema, 1998, p. 34

Anteprima della Tesi di Valentina D'amico

Anteprima della tesi: La fiaba autoriflessiva: il cinema di Tim Burton, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Valentina D'amico Contatta »

Composta da 341 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15123 click dal 10/03/2005.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.