Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Telestreet: Il vero elisir della libertà di comunicazione?

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 passare nelle vicinanze della sede di Minimal tv, aveva la possibilità di dialogare con il conduttore attraverso un video-box messo in strada oppure di lasciare un’immagine e una dichiarazione in Internet attraverso un Net-box (è il sistema che permette ai netspettatori di lasciare in internet una loro immagine con un commento su un determinato tema) collegato alla rete e al mini studio televisivo. A Vinci, quando i responsabili di Quinta Parete network (che ha prodotto Minimaltv) hanno iniziato a trasmettere, la gente pensava che fossero i programmi di una nuova televisione privata; nessuno si rendeva conto che la regia era a 50 metri dai monitor. Per tale motivo gli operatori di Minimaltv hanno dovuto mettere dei cartelli scritti a mano sotto ogni monitor in strada, per convincere i passanti che la regia era a pochi passi ed aperta al pubblico. Minimal TV è andata in scena anche ad Empoli il 25 e il 26 Ottobre 1996 presso il Chiostro degli Agostiniani in occasione della rassegna multidisciplinare "Under 30", sotto il nome "U3 minimal Tv". Il palinsesto non è mai stato preconfezionato ma spesso è stato improntato sul momento tramite gli spunti dei dialoghi con i passanti e gli "imprevisti". Ampio spazio era dedicato alle interviste ai “volti noti” del paese, agli scoop immaginari, a televendite improbabili, all’angolo riservato ai ragazzi, alla maga Lady Babbara, al balletto, allo spazio culturale, ai dibattiti politici, ai video d'autore ecc. ecc. Questo miscellaneo calderone televisivo era presentato da un unico conduttore: Sasà Nothing con l'appoggio esterno dell'inviato Rorò. Mentre le tv di strada nascono in zone o quartieri specifici e vengono realizzate da persone che abitano in loco, la Minimal-TV e' un progetto artistico nomade che si sposta dove viene richiesta, in particolare dove si svolgono eventi collettivi tipo feste, mostre, festival. Una peculiarità della Minimal TV è l'uso creativo e coinvolgente di tecnologia domestica. L'intento è quello di sdrammatizzare la televisione mettendola "a portata di mano".

Anteprima della Tesi di Gabriele Giangiacomi

Anteprima della tesi: Telestreet: Il vero elisir della libertà di comunicazione?, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Gabriele Giangiacomi Contatta »

Composta da 185 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2418 click dal 11/03/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.