Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Interventi pubblici per la sicurezza alimentare

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

L’intervento pubblico in agricoltura 9 alimentari”, che dispone che non si possono vendere o somministrare alimenti che contengano residui di prodotti usati in agricoltura, dannosi per l’uomo, come pesticidi e fertilizzanti, ed attribuisce al Ministero della Sanità (oggi Salute), poteri regolamentativi sulle quantità e sugli intervalli di tempo tra l’utilizzo di un determinato prodotto ed i tempi di raccolta. Sono inoltre soggette a vigilanza preventiva, ad opera delle autorità sanitarie, la produzione, la manipolazione e il commercio di sostanze destinate all’alimentazione. Dunque la vigilanza pubblica si estende ad ogni prodotto, di origine naturale o industriale destinato ad essere ingerito dall’uomo. Tra gli strumenti di controllo previsti dalla legge in esame, oltre ad ispezioni, prelievi di campioni, e il munirsi del libretto di idoneità sanitaria, c’è l’obbligo di premunirsi autorizzazione sanitaria da parte di chi intende esercitare stabilimenti, laboratori di produzione, preparazione e confezionamento di sostanze alimentari. Il rilascio di tale autorizzazione è condizionato all’accertamento dei requisiti igienico-sanitari, sia d’impianto sia funzionali previsti dagli appositi regolamenti. Troviamo, infatti, accanto a questa legge generale un’imponente legislazione speciale integrativa, che concerne la produzione di specifici gruppi merceologici, e diverse Direttive sull’etichettatura confezionamento e pubblicità dei prodotti alimentari (di cui parlerò in seguito) 10 . 10 Disposizioni limitative all’impiego di prodotti fitosanitari sono contenute nel D. LGLS 17 marzo 1995, n. 194 (attuazione direttiva CEE 91/414), in materia di mangimi nel D. LGS. 27 gennaio 1992 n.118, e nel D. LGS. 3 marzo 1993 n.90, oltre alla legge 14 ottobre 1985 n.623 che individua i principi generali delle condizioni igienico ambientali, ed alimentari in sede di allevamento, oltre al D. LGS. 30 novembre 1992, n.532 che specifica le norme per limitare le sofferenze durante il trasporto degli animali, solo per citarne alcuni.

Anteprima della Tesi di Fiorella Iarussi

Anteprima della tesi: Interventi pubblici per la sicurezza alimentare, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Fiorella Iarussi Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7549 click dal 14/03/2005.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.