Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Interventi pubblici per la sicurezza alimentare

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

L’intervento pubblico in agricoltura 11 I primi problemi cominciarono a manifestarsi durante gli anni ’70, in un contesto di crisi economica, e verso la fine del decennio emerse una crescente conflittualità in relazione agli squilibri della PAC: tra prodotti continentali, dotati di regolamenti molto generosi, e prodotti mediterranei, meno sostenuti; tra regioni e/o aree e tra categorie di produttori; e soprattutto tra Stati membri, nei costi e benefici finanziari. In questo quadro di tensioni, alimentate inoltre dalla posizione inglese in materia di “giusto ritorno finanziario”, che a partire dal 1980 si iniziò a porre il problema della revisione della PAC. In linea con la parabola del vecchio paradigma, le cause della crisi e della riforma della PAC hanno avuto sia dimensione interna che internazionale. Sul piano interno acquisirono crescente rilievo la questione finanziaria legata all’aumento delle spese per la gestione delle eccedenze, il declino del peso politico dell’agricoltura e l’insostenibilità ambientale. Sul piano internazionale, la modifica della posizione commerciale agricola della Comunità, da importatrice ad esportatrice netta, in un contesto di crisi della domanda nei mercati agricoli mondiali, provocò forti tensioni commerciali con i paesi tradizionalmente esportatori, Stati Uniti, in particolare, e cosa più importante, nel 1986 con l’avvio dell’Uruguay Round del GATT, si pose al centro delle trattative commerciali la questione agricola, con l’accusa al protezionismo delle politiche agrarie tradizionali e in particolare la PAC. Non bisogna però pensare che la constatazione di elementi di crisi nella concezione classica dell’agricoltura abbia portato, erga omnes, a nuove e diverse politiche attente alle mutate esigenze interne ed internazionali, infatti, nel caso della PAC, all’analisi delle cause che hanno portato ad una lenta revisione della politica agricola, vanno aggiunti i problemi derivanti dal complicato processo decisionale della PAC stessa, cioè dalla continua ricerca di compromessi accettabili da parte di un gruppo di paesi portatori di interessi propri, e non sempre convergenti.

Anteprima della Tesi di Fiorella Iarussi

Anteprima della tesi: Interventi pubblici per la sicurezza alimentare, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Fiorella Iarussi Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7549 click dal 14/03/2005.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.