Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli lineari e non lineari di partizione cocleare: loro realizzazione con filtri ad onda

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1.3 Orecchio interno 9 tettoriale, il fascio stereociliare si apre a ventaglio, mettendo in tensione fil- amenti proteici che fanno aprire i canali stereociliari, piccole valvole poste sulla sommita` stereociliare. L’apertura di questi canali determina l’ingresso di correnti elettriche sufficienti a depolarizzare la cellula di alcuni millivolt, causando la contrazione della cellula. Ogni cellula ciliata esterna trasmette la forza attraverso una cellula di supporto (cellula di Deiters) che, come un ammortizzatore, trasmette meglio alle frequenze piu´ elevate che a quelle piu´ basse. La motilita` delle OHC e` quindi di fondamentale importanza per l’ap- parato uditivo, l’assenza o la perdita, anche parziale, di questa funzionalita` e` una delle principali cause della sordita`. Le IHC sono localizzate verso l’interno rispetto all’asse della chiocciola; queste cellule (non contrattili) sono i sensori che trasmettono i segnali al ner- vo acustico. Come nel caso delle cellule ciliate esterne l’apertura dei canali stereociliari determina l’ingresso di una corrente elettrica che fa cadere il potenziale intracellulare. Cio´ causa la stimolazione delle terminazioni den- dritiche, che si trovano alla base della cellula, di neuroni che hanno il cor- po cellulare nel ganglio acustico localizzato in prossimita` dell’asse cocleare. L’ampiezza del segnale trasmesso e` proporzionale alla deflessione delle stereo- cilia, che funzionano in modo analogo a quanto detto per le OHC. Le stereo- cilia piu´ alte delle cellule ciliate interne, a differenza di quelle delle cellule ciliate esterne, non sono infisse nella membrana tettoriale e pertanto la loro deflessione non e` proporzionale allo spostamento relativo di questa. Esse subiscono invece l’azione viscosa del fluido messo in moto dalle oscillazioni della membrana tettoriale; in questo modo, la forza agente sulle stereocilia risulta proporzionale alla velocita` della membrana tettoriale. La membrana basilare, che insieme all’organo del Corti e alla membrana tettoriale costituisce la partizione cocleare, e` una membrana elastica formata

Anteprima della Tesi di Antonello Mastropaolo

Anteprima della tesi: Modelli lineari e non lineari di partizione cocleare: loro realizzazione con filtri ad onda, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Antonello Mastropaolo Contatta »

Composta da 190 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1848 click dal 14/03/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.