Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'aeroporto come luogo del consumo: il caso Fiumicino.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 1.3 Il consumo dello spazio Il progresso economico dei primi anni del Novecento ha ampliato via via la disponibilità di beni di consumo per tutti gli strati della società. La grande espansione economica e consumistica degli anni cinquanta e sessanta ha portato notevoli risultati in termini di benessere delle persone e ha indirizzato i principali mercati verso una produzione di massa per qualsiasi aspetto della vita quotidiana. Progressivamente, tutte le attività commerciali hanno così sfruttato l’ambiente per creare forme di consumo di spazio, dato che lo spazio circostante stava diventando sfondo della crescente cultura di massa. Anche il turismo, dopo essere diventato un’attività predominante nella classe media come risultato dello sviluppo del turismo di massa, è diventato esempio lampante del consumo dello spazio. Il turismo ha a che fare con lo spostamento delle persone verso specifiche località che sono consumate come spazi: spazi del divertimento, dello sport, della ricreazione, della natura, della storia, del relax. Il fenomeno della differenza culturale è importante per il turismo come qualsiasi luogo spettacolare. Si visita una nuova città non per avere nuove esperienze, ma per vivere qualcosa di diverso. Il turista consuma la differenza che il luogo diverso e straniero offre. Il consumo dello spazio è ancora più lampante nell’attività tipica del turista nel far foto. La fotografia è stata trasformata negli anni dai processi industriali in una forma artistica tecnologicamente molto avanzata. Un’impressionante varietà di modelli, formati, filmati e apparecchi fotografici sono disponibili per catturare, conservare e documentare viaggi. Intrinsecamente una parte del viaggio è il consumo dello spazio in sé, attestato dalla presenza della fotografia. In breve, la produzione e il consumo di filmati, video camere, macchine fotografiche, cellulari con videocamere, accessori vari si affiancano alla produzione e al consumo di spazi turistici. Queste componenti si abbinano con la vasta industria turistica che consiste in pubblicità, agenzie di viaggio,

Anteprima della Tesi di Marta Sclafani

Anteprima della tesi: L'aeroporto come luogo del consumo: il caso Fiumicino., Pagina 10

Laurea liv.I

Facoltà: Relazioni Pubbliche e Pubblicità

Autore: Marta Sclafani Contatta »

Composta da 104 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4852 click dal 22/03/2005.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.