Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La prevenzione del crimine e la pubblica amministrazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 Capitolo 2 – Il fenomeno della criminalità in cifre Riporteremo qui di seguito una breve rielaborazione dei rilevamenti statistici riguardanti la criminalità nel nostro Paese facendo riferimento alle tipologie di reato, ai soggetti responsabili di comportamenti devianti e della sicurezza urbana così come esperita dai cittadini nel loro quotidiano. Il quadro complessivo della situazione attuale, che ne consegue, permetterà una più consapevole trattazione degli argomenti della seconda parte dell’elaborato, in particolare per quel che concerne le zone e i soggetti cui fanno riferimento i progetti di prevenzione. 2.1. Il trend della criminalità in Italia (fonti: ISTAT, CENSIS e Rapporto sullo stato di sicurezza in Italia emanato dal Ministero dell’Interno) Per meglio inquadrare il fenomeno criminale riguardante il territorio italiano riteniamo opportuno fare riferimento, riportandoli di seguito, ai rilevanti statistici diffusi dai principali Enti nazionali e dal Ministero dell’Interno. Lo scopo è quello di fornire elementi concreti per meglio affrontare il discorso che intraprenderemo nella seconda parte dell’elaborato. Il “Compendio statistico degli eventi criminosi, anno 2001” diffuso dal Sistema informativo Interforze del Dipartimento della Pubblica Sicurezza fotografa la seguente situazione: il dato generale è quello di un andamento pressoché stazionario della criminalità con un calo irrisorio pari all’1,90% rispetto all’anno 2000, sono, in oltre, aumentate le persone denunciate ( + 4,91%) e quelle arrestate (+ 1,20%). Analizzando il rapporto tra i delitti e gli operatori della Forze di Polizia si evince che, nel periodo considerato, questo risulta essere pari al 7,99 con una notevole disomogeneità nella distribuzione sul territorio nazionale (la regione con la più alta presenza di operatori di polizia per abitante è il Lazio). Con riferimento ai tassi generali di episodi criminali il primato negativo va alla provincia di Rimini (n.6.985 delitti denunciati ogni 100.000

Anteprima della Tesi di Paola Baroni

Anteprima della tesi: La prevenzione del crimine e la pubblica amministrazione, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Paola Baroni Contatta »

Composta da 136 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3460 click dal 14/03/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.